Raspadori: “Scudetto? Ci credo! Gioco poco? Guardate Alvarez…”

JANUARY 2022, Giacomo Raspadori, fonte foto www.cronachedispogliatoio.it

Ecco alcuni estratti dell’intervista di Giacomo Raspadori al Corriere dello Sport.

IL CENTRAVANTI PREFERITO – “Benzema davanti a Lewandowski, di quelli che hanno esperienza e curriculum. Degli emergenti, ammesso che si possano definire tali, Haaland e Osimhen”.

I SOLI 559′ IN CAMPO –“Sono preparato: Julian Alvarez, neocampione del mondo, al City ha giocato solo 356’. Neanche Haaland scherza… E come la mettiamo? È la dura legge dei grandi club, va in campo chi merita e chi sta fuori cerca di afferrare le occasioni che capitano. È la sana concorrenza, forse pure uno dei segreti per migliorarsi. Ed è la dimostrazione che stanno venendo fuori attaccanti destinati a dominare il palcoscenico internazionale per il prossimo decennio: Victor sta per compiere ventiquattro anni; il norvegese ne ha ventidue e mezzo; e Alvarez ne farà ventitré tra un mese”.

LO SCUDETTO – “Sarei un bugiardo se fingessi distacco. Ma non è un’ossessione. È l’obiettivo per il quale lavoriamo, ma senza stress. Però ci credo: per conquistarlo servirà l’impegno di questi tre mesi e la capacità di dimostrare che l’abbiamo meritato. Le qualità del Napoli, finora, sono emerse”.

Articolo precedenteNapoli, report allenamento 20 dicembre: torna Zielinski, novità su Rrahmani e ultime su Demme e Sirigu
Articolo successivoInter, Ausilio: “Partita col Napoli? Partita importante ma non è fondamentale”