Calendario Serie A 2022/23: come è andata al Napoli?

NAPLES, ITALY - JUNE 2022, Luciano Spalletti, Facebook

Nella giornata di oggi si è tenuto il sorteggio del calendario della Serie A 2022/23. Competizione che sarà sicuramente influenzata dal Mondiale qatariota che costringe la massima divisione italiana a fermarsi dal 13 novembre al 4 gennaio. Quando si parla di calendario, spesso si utilizza la frase “Prima o poi le dobbiamo incontrare tutte, non importa quale prima e quale dopo”. Questo è sicuramente l’atteggiamento più razionale ma in realtà, nella pratica spesso viene smentito. Frequentemente, un periodo colmo di partite dure e scontri diretti mette in difficoltà le squadre, che lasciano punti per strada regalandone alle altre compagini. La prova è proprio il Napoli, che nella scorsa stagione ha trovato un intoppo a cavallo tra febbraio e marzo.

Stando a questa riflessione, stavolta alla squadra di Spalletti è andata bene. Nella sequenza di partite, infatti, non ci sono scontri diretti consecutivi. A sempre gli impegni con i rivali dell’alta classifica, c’è sempre uno scontro con una squadra che sulla carta dovrebbe essere più abbordabile. Ad esempio, tra la 3^ e l’8^, il Napoli affronterà Fiorentina, Lazio e Milan in trasferta. Dopo ognuna di queste partite però, giocherà un incontro che spezzerà il ritmo: alla 4^ il Lecce e due giornate dopo lo Spezia. Il probabile giro di boa del campionato ci sarà tra 15^ (Napoli-Udinese) e 16^ (Inter- Napoli), quando ci sarà la sosta per il Campionato del Mondo. I partenopei, quindi, al ritorno in campo si dovranno far trovare pronti per la partita cruciale contro i nerazzurri.

Appuntamento al fine settimana prima di Ferragosto a Verona per il debutto degli azzurri. I tifosi, invece, dovranno aspettare il week-end successivo per vedere la propria squadra al Maradona contro il neopromosso Monza. Clicca qui per vedere il calendario completo del Napoli.

Articolo precedenteSchira: “Deulofeu ha scelto il Napoli. Mertens? Situazione preoccupante”
Articolo successivoDe Maggio su Meret e Ospina: “Non è da escludere l’addio di entrambi i portieri”