Alla scoperta dell’Arsenal: tutto quello che c’è da sapere sul prossimo avversario europeo del Napoli

Il Napoli è tra le prime otto squadre di questa edizione dell’Europa League. Traguardo importante quello tagliato dagli azzurri, che però hanno l’obbligo di credere nella vittoria finale della competizione. Una competizione prestigiosa, ma alla portata dei ragazzi di Ancelotti. D’altronde sulla panchina partenopea siede il “re di coppe”, capace di vincere ben due volte da calciatore e tre da allenatore la Coppa dei Campioni.

Sulla strada per Baku, sede della finale, si è tuttavia frapposta l’Arsenal, squadra inglese ostica e non di certo l’ultima arrivata. Dopo aver eliminato lo Zurigo ed il Salisburgo, gli azzurri sono chiamati ad un’impresa per approdare in semifinale. Ma che stagione sta disputando l’Arsenal?

LA STORIA E LO STEMMA:

L’Arsenal, unica squadra inglese a militare ininterrottamente dal 1919 in Premier League, ha una storia gloriosa e fu fondata nel 1886 a Londra. Il suo stemma, che richiama i colori sociali rosso e bianco, presenta al suo interno un cannone di tonalità oro, che ha portato a soprannominare giocatori e tifosi Gunners (“cannonieri” in italiano).

LO STADIO:

La tana dei Gunners è l’Emirates Stadium, struttura che l’11 Aprile ospiterà la gara di andata tra gli inglesi ed il Napoli. Costruito nel 1999 consta di 60000 posti a sedere e trae questa denominazione dallo sponsor, la compagnia aerea Emirates, con la quale il club ha firmato il contratto di sponsorizzazione più lungo della storia del calcio inglese.

L’ALLENATORE:

Dopo esser stata guidata per ben ventidue anni da Arsène Wenger, storico tecnico francesce, l’Arsenal dal primo Luglio 2018 è allenata da Unai Emery. Il talentuoso allenatore spagnolo, ex Siviglia, predilige un 4-2-3-1 a trazione anteriore con il costante inserimento da dietro degli esterni e lo sviluppo del gioco a partire dal portiere. Emery ha già vinto l’Europa League con il suo Siviglia tre volte ed è un esperto della competizione.

LA ROSA E LA CONDIZIONE ATTUALE IN PREMIER:

Il parco giocatori dei Gunners è folto e ben costituito. Leno e Cech i portieri; Bellerin, Lichtesteiner, Jenkinson, Mustafi, Sokratis, Holding, Koscielny, Kolasinac, Monreal il pacchetto arretrato; Torreira, Xhaka, Elneny, Ramsey, Guendouzi, Denis Suarez, Maitland-Niles, Ozil, Mkhitarian ed Iwobi i centrocampisti; Aubameyang, Lacazette e Welbeck i terminali d’attacco. Spiccano grandi nomi come: Aubameyang, attaccante di estremo livello, Ozil e Ramsey in mediana ed i forti Mustafi e Sokratis in coppia difensiva.

Attualmente l’Arsenal è quarta in classifica in Premier con 60 punti. Uno in meno rispetto al Tottenham terzo e tre in più al Chelsea fuori dalla Champions. Indicativi i dati riguardo ai goal fatti e subiti: ben 63 le reti realizzate, ma anche 39 goal subiti. I Gunners segnano molto, ma concedono anche tanto.

Dunque una squadra in salute che il Napoli dovrà cercare di scalzare dall’Europa League. Una sfida difficile, ma al Napoli ed a Ancelotti piacciono le sfide complicate. Manca ancora un mese, ma la testa è già alla doppia sfida affascinante ai Gunners.