FIORI DI PRIMAVERA – Forza e personalità, ecco chi è l’azzurrino Claudio Manzi

91

 

È un Napoli primavera che parla diverse lingue quest’anno, ma conserva eccellentemente la struttura campana foriera di nomi che un giorno potrebbero continuare a vestire questa maglia.
Tre anni fa dalla bella Ischia arrivò Claudio Manzi, classe 2000 e una stazza fisica già importante. Difensore centrale, all’occorrenza anche terzino destro, intelligente e di stazza fisica importante.

Con Saurini ha avuto il suo primo exploit nella primavera, tanto che divenne il perno principale per poi confermarsi l’anno scorso con mister Beoni.
Baronio ama far ruotare ad ogni partita la squadra, quindi non ci sono titolari inamovibili in questo Napoli eclettico e che sta crescendo partita dopo partita, soprattutto dopo la vittoria con gli ultimi campioni interisti in casa loro. Proprio in questa gara è stato uno dei migliori mostrando una sicurezza difensiva nelle scivolate e nei recuperi palla, imperioso negli stacchi aerei. Ha tanta personalità ed energia da vendere, quest’ultima a volte dosata male perché non gli ha permesso di rimanere calmo nelle situazioni più difficili come nella gara contro la Roma.

Tutto sommato il suo inizio di stagione è positivo, ormai da anni al Napoli è sempre più leader della squadra.