Infermeria azzurra: la lista degli infortunati e il loro probabile ritorno

Non è un caso che il Napoli abbia molti indisponibili in panchina. L’ultimo, che non è stato convocato per un match a causa di una indisponibilità fisica, è stato Sebastiano Luperto colpito da influenza.

Ma lui è l’ultimo fino ad oggi. C’è una lista che invece fa preoccupare Gattuso e i tempi di recupero sono altrettanto spaventosi.

Kevin Malcuit si è infortunato durante il match Spal-Napoli del 28 ottobre 2019. La diagnosi per lui è stata rottura del legamento crociato che gli ha fatto perdere 31 partite. Per lui la data del probabile ritorno si aggira intorno al 28 aprile 2020.

Faouzi Ghoulam, reduce ormai di svariati infortuni, ha risentito un infortunio muscolare il 29 ottobre 2019, che l’ha tenuto lontano dal campo per 14 partite sino ad oggi e Gattuso, ad oggi, sostiene che è pronto al 50%.

Nikola Maksimovic si è sottoposto ad esami strumentali l’8 dicembre 2019 che hanno evidenziato una distrazione di primo grado al muscolo retto femorale destro. I tempi di recupero per una distrazione, o lesione, di primo grado sono stimati in circa due settimane ma ad oggi il calciatore non ha ancora calpestato il manto erboso.

Kalidou Koulibaly, durante la sfida contro il Parma del 15 dicembre 2019 ha lasciato il campo per un infortunio muscolare arrivato proprio durante l’azione del gol del vantaggio degli emiliani. Ha riportato una distrazione di primo grado al bicipite femorale della coscia destra. Non si conoscono bene ancora le dinamiche di recupero e non si può stimare il suo ritorno, ma il giocatore è fuori da ormai 4 partite.

Dries Mertens ha risentito un problema agli adduttori il 30 dicembre 2019 che lo ha costretto ad andare in Belgio per curarsi. La società azzurra però non ha rilasciato alcuna comunicazione riguardo a problematiche di natura fisica del giocatore. Sembrerebbe comunque essere un inconveniente di entità non grave per cui il ritorno in campo potrebbe essere imminente. 

Orestis Karnezis ha rimediato un problema alla caviglia il 13 gennaio 2020. Il classe 1985 ha lavorato direttamente in palestra per recuperare e non è stato neanche convocato per la sfida di Coppa Italia contro il Perugia.