Tuttosport – Giroud incanta il Chelsea e l’Inter lo vuole. Se salta si punta tutto su Milik

Olivier Giroud gioca 83 minuti in Champions contro il Siviglia e segna ben 4 goal. Un chiaro messaggio a Frankie Lampard per avere più spazio altrimenti a gennaio si guarderà intorno. La sua sceltaincide anche sul Napoli. Perchè? Ce lo spiega l’edizione odierna di Tuttosport:

“Quattro gol in Champions hanno l’ effetto di un biglietto da visita tempestato di diamanti, ma il primo a non stupirsi dell’ exploit di Olivier Giroud a Siviglia è stato proprio Antonio Conte che, avendolo allenato al Chelsea, sa di che pasta è fatta il francese. L’ ha capito pure Frank Lampard che, dopo averlo visto segnare quattro gol in 83′, ha ricoperto di elogi il centravanti: «E’ un vero professionista, forse non è sempre continuo ma ha dimostrato di essere un grande esempio per i giovani che si affacciano al mondo del calcio». Ora Giroud attende che alle parole seguano dei fatti. Perché dietro i lustrini in terra andalusa c’ è un malessere sempre vivo: il francese – invitato da Didier Deschamps, suo ct, a trovare una squadra dove giochi di più – è stato titolare soltanto in due occasioni (prima di Siviglia, in Coppa di Lega con il Tottenham), mentre in Premier Lampard l’ ha utilizzato col contagocce: 17 minuti con il West Brom, 13 con il Burnley, 11 con il Tottenham e 3 minuti contro Sheffield United e Newcastle. Non a caso, nonostante dopo il poker di Champions Giroud si sia preso tutte le prime pagine dei giornali inglesi, Michel Manuello, suo procuratore, si è dato come dead line Natale per capire se c’ è un’ inversione di tendenza nelle scelte da parte di Lampard. Al trimenti Manuello tornerà all’ assalto con Marina Granovskaia per chiedere di essere ceduto. Già presi i contatti con l’ Inter a cui manca un attaccante per completare il reparto, mentre la Juve – per ora – resta sullo sfondo. Giroud guadagna 3.5 milioni e in Italia potrebbe firmare per 18 mesi. In estate le richieste del Chelsea erano 4 milioni più 1 di bonus, pretese che a metà stagione andrebbero comunque abbassate. L’ Inter, che un inverno fa aveva strappato ai Blues il sì per Victor Moses, potrebbe pensare a una formula simile a quella che ha convinto il Manchester United e Ashley Young a puntare sul nerazzurro: per l’ inglese era stato offerto un contratto di sei mesi con opzione, mentre ai Red Devils vennero garantiti poco meno di 1.8 milioni. Già la gara di sabato sera con il Leeds può essere una prima cartina tornasole per Giroud. «Io titolare? Fatemi godere la serata e questa grande vittoria. Dopo ci riposeremo e vedremo qual è il piano del manager», le parole dell’ interessato, che – se fosse più coinvolto nel progetto dall’ allenatore – probabilmente non lascerebbe Londra. Nel testa a testa per completare l’ attacco, Giroud è il preferito da Conte rispetto ad Arek Milik per due buoni motivi: il primo è esclusivamente tattico (il francese già sa cosa chiede l’ allenatore da un attaccante), il secondo è fisico, visto che il polacco – dopo tanti mesi senza giocare – avrà bisogno di ritrovare il ritmo partita oltre che di un importante lavoro tattico (in tal senso, basta vedere la parabola di Erik sen dopo il suo arrivo). I pro sono legati al fatto che il polacco sarebbe una scelta per il presente, ma pure il futuro anche per avere una stampella già in casa nel caso in cui Lautaro Martinez dovesse salutare. Le richieste del giocatore sono molto importanti a livello economico (6 milioni a stagione, che non possono essere attutiti dai benefici del decreto crescita, come per Sanchez) e pure il Napoli non ha intanzione di svendere un giocatore che comunque a giugno andrà a scadenza. Il presidente De Laurentiis, infatti per il cartellino di Milik chiede 18 milioni che però l’ Inter potrebbe “compensare” con il debito che il Napoli deve corrispondere per rilevare Politano. Operazione che, in un mercato ricco di idee e povero di soldi, potrebbe fare contenti tutti, soprattutto se Giroud, grazie ai quattro gol segnati al Siviglia, dovesse trovare un po’ più di considerazione nelle rotazioni del Chelsea”.