De Luca: “Stiamo facendo un miracolo e ne usciremo prima degli altri. Giuste le misure del Governo! Stiamo varando un piano economico”

Anche oggi, come ogni venerdì, il governatore De Luca fa il punto della situazione in Campania e parla dell’andamento dell’epidemia della nostra regione. Ecco la diretta testuale:

Cari amici, facciamo il punto della situazione Covid. Oggi la regione Campania uscirà meglio delle altre Regioni con tanta trasparenza. Noi dobbiamo essere più attenti rispetto alle altre regioni, perché siamo tutti nella stessa situazione, grazie alla mobilità totale estiva. Vi anticipo che stiamo facendo un miracolo, anche maggiore della prima ondata: lo dicono i dati.

I dati parlano chiaro: abbiamo il più basso tasso di mortalità del Covid, ma nessuno ne parla. Non abbiamo nessuna difficoltà per i posti letto in ospedale e per i posti di terapia intensiva siamo sui 160-180 posti occupati. Abbiamo raddoppiato i posti di terapia intensiva, dunque stiamo tenendo. Noi diamo dati veri, gli altri falsi.

Alcune Regioni danno un dato falso delle terapie intensive per abbassare la percentuale; tra poche settimane, saremo i primi a uscire. Abbiamo chiesto a Speranza di fare chiarezza sui posti disponibili sulle terapie intensive e sui tamponi rapidi: non abbiamo ricevuto risposte. Noi facciamo 23000.25000 tamponi vero ogni giorno. I risultati arrivano in 24 ore, ma se ci sono problemi invito a segnalarli.

Noi siamo avanti nella campagna di vaccinazione, mentre gli altri no. Ve lo dico io dato che non lo dice nessuno. Per i primi 10 giorni di gennaio, ci organizzeremo per i vaccini Covid: stiamo fornendo tutti i macchinari necessari ai vari poli ospedalieri. Anche qui saremo tra i primi.

Dalla prossima settimana, si potranno fare altri interventi chirurgici e riattivare altre attività sospese negli ospedali. Denoto con grande piacere che stanno finendo gli sciacalli, stanno sempre diminuendo.

Alcuni hanno deciso di spostare l’attenzione su di noi, ma i dati sono stati falsificati: sui finanziamenti che ci sono arrivati, hanno dette falsità assolute. Sulle forniture dati falsi perché noi abbiamo meno fondi rispetto alle regioni del Nord, nonostante abbiamo in media una popolazione con un milione in più di persone. Dati falsi sugli infermieri e sui dottori: quando è iniziata la seconda ondata, abbiamo richiesto dottori e anestesisti. Ci hanno dato 10 infermieri, 80 anestesisti e 80 dottori. Quello che facciamo noi non lo fa nessuno: stiamo combattendo a mani nude.

In primavera, abbiamo fatto ospedali modulari a Caserta, a Salerno e qualcuno ha detto che sono vuoti; menomale che sono voti, menomale. Qualcuno fa in giro delle domande idiote, non sapendo che noi non siamo al 30% delle terapie intensive e non siamo in emergenza.

C’è un medico che manda SMS diffamatori: lo abbiamo denunciato. Stiamo cercando di capire da dove è uscito il documento dei dottori e degli anestesisti, e lo scopriremo. Chi vuole avere informazioni, si rivolga alla Regione. Chi fa lo sciacallo, verrà querelato dalla nostra Regione. Non faccio nomi per non fare pubblicità. Davanti gli ospedali, non c’è più nessuna macchina in fila: non abbiamo dovuto ricorrere a palestre, chiese, gli altri sì. Abbiamo curato TUTTI, e chi ha aspettato in macchina doveva aspettare in macchina.

Passiamo alle decisioni del Governo: per me, il Governo ha commesso errori, divisioni in zone, che non voglio commentare. Ci sono zone che dovrebbero uscire dal rosso e hanno 4-5 volte i posti di terapia intensiva di noi. Noi siamo per una linea del rigore.

Ad oggi, il tasso di positività è al 9%: frutto della chiusura delle scuole, frutto delle mie ordinanze, frutto del nostro rigore. Noi siamo in una zona rossa, ma è tutto aperto. Ognuno gira indisturbato, senza nessun controllo. Noi siamo rigorosi; noi volevamo chiudere tutto ad ottobre. Se ci avessero ascoltati, oggi stavamo tranquilli.

Con le misure del Natale, sono d’accordo: forse non avrei chiuso le attività dei centri commerciali. Giusto limitare lo spostamento delle regioni e i Comuni: inoltre, in Campania non si potrà andare nelle seconde case, già ve lo annuncio.

Qualcuno chiedeva delle scuole e della chiusura, ma ricordo che noi abbiamo chiuso le scuole per i tassi di positività. Oggi chiedono delle festività di Natale: ad oggi, è giusto limitare i veglioni, i pranzi di Natale, per evitare la terza ondata.

A gennaio ci sarà il picco della stagione influenzale, per cui siamo rigorosi e siamo tranquilli, perché a gennaio non deve venire la terza ondata. Altrimenti non ne usciamo più.

Passiamo alle misure economiche: abbiamo presentato un progetto Campania, in cui vogliamo chiedere di rinnovare l‘industria agricola, depurare le acque della nostra Regione, riqualificare le grandi città e le grandi periferie, semplificando le varie norme. Vogliamo dare un aiuto alle famiglie e alle persone meno fortunate di noi: dovremo far fronte alla decrescita demografica delle persone. Se non cambiamo il sistema Italia, sarà impossibile cambiare il futuro.

Inoltre, avvieremo un programma di informatizzazione e sburocratizzazione dei vari ambiti della regione, perché dobbiamo essere i primi a migliorare i servizi. La Campania paga a 26 giorni, un grande risultato, ma dobbiamo migliorare.

Io mi auguro che finisca la manfrina sul Recovery Found e che si abbia un’idea comune: inoltre, vogliono destinare sempre meno introiti al Sud, ma non lo permetteremo. Vogliamo approvare il prima possibile il piano dei nuovi fondi. Inoltre miglioreremo l’edilizia ospedaliera, per migliorare le nostre strutture e i nostri poli.

Stiamo ridiscutendo anche il nostro tasso d’interesse che dobbiamo allo Stato; per ora siamo stati scellerati ad accettare quella che è una vera e propria usura. Condivido le preoccupazioni della Cgil sugli usi del Recovery Found, perché , come al solito, siamo in grande difficoltà.

La colpa è della classe dirigente che ha rovinato e sta rovinando l’Italia; noi lavoriamo per migliorare l’alta velocità Salerno-Battipaglia, stiamo ammodernando la stazione di Benevento, stiamo lavorando su una spiaggia che possa andare da Salerno a Pontecagnano e stiamo lavorando per avere, a Salerno, la più bella piazza del mondo. Stiamo lavorando per la pista ciclabile nel parco del Vesuvio. Noi ci stiamo proiettando al futuro.

Cittadini, siate rigorosi: zone gialle, verde, a pois, siate rigorosi per gli altri. Non dobbiamo avere rimproveri, ognuno di noi ha coscienza e sa che si devono avere comportamenti rigorosi. Ancora oggi, abbiamo messo in quarantena il campo rom di Scampia.

Stiamo spegnendo subito i vari focolai e stiamo cercando di spegnere i focolai della Campania. Voglio dare un messaggio di fiducia: siate fiduciosi in futuro e abbiate fiducia nel lavoro che stiamo facendo”.