Turchia, i calciatori festeggiano con saluto militare

(ANSA) – ROMA, 12 OTT – Un gol al 90′ che ha dato la vittoria sull’Albania. Ma per i giocatori della Turchia il tema principale non era la partita delle qualificazioni europee che hanno vinto ieri contro la nazionale allenata da Edy Reja, ma la politica, e in particolare l’attacco dei soldati del loro Paese alla Siria del Nord. Così sul campo Tosun (l’autore della rete decisiva) e compagni (tra i quali lo juventino Demiral) hanno festeggiato facendo il saluto militare, poi alcuni di loro hanno affrontato l’argomento anche nelle dichiarazioni del post partita, schierandosi dalla parte delle truppe al confine. “Noi siamo importanti ma i nostri soldati lo sono di più”, è stato il commento di Caglar Soyuncu riportato dal magazine sportivo ‘Fanatik’. “Non possiamo parlare di partite, le nostre ferite sono solo temporanee – ha detto invece il ct, Senol Gunes -. Stiamo attraversando un periodo straordinariamente difficile. Abbiamo giocato una partita stressante e dura in un periodo così”.