PAGELLE MN – Mertens scatenato! Male gli esterni, Insigne decisivo

Finale al cardiopalma al San Paolo: dopo essere andato sotto con il goal dell’ex Pavoletti, il Napoli ha ribaltato il risultato prima grazie a Mertens, e poi con un contestato rigore trasformato da Insigne. Di seguito, le pagelle del match.

MERET 6: Spettatore per gran parte del match, si fa trovare pronto in un paio di situazioni pericolose. Sul gol poche le sue colpe

HYSAJ 5,5: L’albanese è risultato ancora una volta impreciso a più riprese, specialmente nella metà campo avversaria, limitandosi perlopiù ad una partita di contenimento

ALBIOL 6: Il roccioso centrale è rientrato questa sera dopo più di 2 mesi di assenza. La lontananza dal campo si è fatta sentire soprattutto in fase di appoggio, in marcatura non ci sono stati grossi problemi dalle sue parti

KOULIBALY 7: K2 si è dimostrato anche in questa occasione uno dei difensori più affidabili del nostro campionato (e perchè no, anche d’Europa). Le poche sbavature fatte in disimpegno sono state corrette da egli stesso. Muro

GHOULAM 6: Il mancino non ha ancora ritrovato quella brillantezza che lo aveva contraddistinto prima di infortunarsi gravemente, e questo si è visto in quasi tutto l’arco della gara. Ha il merito di sfornare il cross trasformato poi da Mertens nell’ l’1-1 del Napoli

VERDI 5,5: Prestazione opaca di un Verdi che sembra lontano anni luce da quello ammirato a Bologna. Sarà una condizione fisica non ottimale, sarà un ruolo poco congeniale alle sue caratteristiche, ma l’esterno scuola Milan da l’impressione di non aver ancora trovato la sua dimensione in campo (dal 60′ CALLEJON 6: El Caballero Triste entra per dare la scossa ai suoi, ma non riesce ad inserirsi come vorrebbe per il traffico nella difesa rossoblu)

ALLAN 5,5: Il mastino del centrocampo non era in grande serata, esce dopo un’ora giocata non ai suoi livelli (dal 60′ RUIZ 6: Lo spagnolo viene buttato nella mischia per dettare i tempi di gioco in mediana; qualche verticalizzazione, un paio di conclusioni e poco altro)

ZIELINSKI 6: Partita altalenante la sua, parte bene proponendosi spesso in avanti per poi chiudere in calando

YOUNES 5,5: L’ex Ajax è apparso meno brillante rispetto alla gara di Frosinone, le sue serpentine sono state neutralizzate efficacemente da Romagna&Co. (dal 64′ MILIK 6: L’ariete polacco si è reso pericoloso diverse volte in area di rigore, non riuscendo però a centrare il bersaglio grosso)

MERTENS 7,5: Il folletto belga merita senza dubbio il premio di Man of the Match della serata: salta l’uomo, imbecca egregiamente i compagni, conclude a rete e sigla di testa il momentaneo pari degli azzurri (pochi minuti dopo che Cragno aveva neutralizzato un altro suo colpo di testa con un gran colpo di reni)

INSIGNE 6,5: Partita in chiaroscuro del Magnifico, che rispecchia emblematicamente l’ultimo periodo vissuto dal 24: prima il buio tra infortuni, battibecchi con allenatore e tifosi e voci di mercato, poi gli incontri positivi con la società e la voglia di andare avanti insieme. Il fantasista di Frattamaggiore fino al 90′ poteva essere considerato il peggiore in campo, ma quel rigore segnato e quell’esultanza liberatoria sanno di rinascita, fisica e mentale