Pagelle MN – Finisce il sogno Scudetto, il capitano è l’ultimo ad arrendersi

Partita poco entusiasmante nonostante i 4 gol. Il Napoli, non quello che abbiamo imparato a conoscere durante quest’anno, non riesce ad andare oltre il pareggio contro il Torino. È tempo di numeri, ecco i voti degli azzurri che hanno preso parte al match:

REINA 5 – Incolpevole sulla prima rete dove, a causa delle deviazione di Chiriches, non può far nulla. Sul secondo gol invece lo spagnolo ha qualche colpa in più. TROPPO SCARICO.

HYSAJ 6 – Buona prova del terzino albanese. Spinge, come suo solito, ma concretizza poco soprattutto per quanto riguarda la fase offensiva. Pochi cross anche dopo l’ingresso di Milik. SI PUO’ DARE DI PIÙ.

ALBIOL 6 – Lo spagnolo è il faro della difesa azzurra. Purtroppo incolpevole su entrambi i gol. Oggi meno incisivo in fase di impostazione. BENE MA NON BENISSIMO.

CHIRICHES 5.5 – Al centrale pesa su una discreta prestazione la deviazione sul primo gol del Torino. Ritorna dopo un lungo periodo dove gli era stato preferito Tonelli. POCO LUCIDO.

MARIO RUI 5 – Sulla partita del terzino portoghese pesa l’errore grave sulla rete di De Silvestri. In fase offensiva spinge, senza risultati, soprattutto dopo l’ingresso di Hamsik. UN DIFENSORE A METÀ.

ALLAN 6 – Il guerriero azzurro resta sempre il solito guerriero. Lotta sempre con grinta e veemenza su ogni pallone. Oggi incide di meno, soprattutto nella manovra offensiva. ROCCIOSO.

JORGINHO 5.5 – Quando c’è sembra quasi non esserci. Ma Firenze insegna che il centrocampo senza l’italo-brasiliano soffre troppo. Partita discreta, ma da lui ci aspettiamo qualcosa in più. POCO BRILLANTE.

ZIELINSKI 5 – Il centrocampista azzurro è un fantasma. Tocca pochi palloni e rende meno fluida la manovra del lato sinistro con Insigne e Rui. L’UOMO DEI 30 MINUTI.

CALLEJON 5 – Lo spagnolo sta pagando le scorie di una stagione vissuta a pieno. Sembra molto stanco e dopo tanto ma tanto tempo viene sostituito, forse troppo tardi. RITORNA TI ASPETTIAMO.

MERTENS 5.5 – Il belga ringrazia Burdisso per il regalo di compleanno e ritrova il gol. Il resto della partita però incide poco. TROPPO STANCO.

INSIGNE 6.5 – Fresco di contratto Adidas Lorenzo è colui che dà sempre il 101%. Anche lui dimostra di essere meno lucido rispetto ai bei tempi che furono, ma il suo essere partenopeo è una carica per dare sempre il massimo. MASANIELLO.

MILIK 6 – Il centravanti dimostra ancora una volta di essere in forma. Partita dopo partita ci sta facendo vedere belle giocate e buoni spunti, come in occasione del palo colpito nel finale. CONCRETO.

HAMSIK 7 – Il capitano non si discute. Prima Zielinski e poi lui stesso, con un gol da cineteca, dimostrano che quando non c’è la sua assenza a centrocampo si sente. E poi il bacio alla maglia, in un calcio con pochissime bandiere vale un 10. SUA MAESTÀ!

OUNAS s.v. Entra troppo tardi. Forse troppo tardi non solo in questa partita ma nel campionato in generale. ANONIMO.

SARRI 6 – Sempre il solito condottiero il mister. Si arrabbia e si dispera, incredulo, sul gol di De Silvestri. Avrebbe potuto far giocare Milik dal primo minuto. Bello il saluto alla curva ad inizio partita, ma forse avrebbe voluto/dovuto ricambiare i tifosi sul campo. POCHI STIMOLI ANCHE PER LUI?

Di Davide Luise.