PAGELLE MN – Lipsia – Napoli: Zielinski fa il De Bruyne; Tonelli, che ripresa!

Il Napoli è fuori dall’Europa League, nonostante una prestazione impeccabile, giocata in terra tedesca, in casa del Lipsia. Lo 0-2 non basta per ribaltare l’ 1-3 del San Paolo. Agli ottavi ci vanno i tedeschi. Ma il Napoli esce a testa più che alta.

Queste le pagelle MondoNapoli del match:

REINA 6 – Poco lavoro per il numero 25 spagnolo. Si disimpegna bene soprattutto nelle uscite: sempre puntuale.

MAGGIO 6 – Come sempre, quando chiamato in causa, riesce a dare il suo apporto. Positivo anche stavolta. Mai in affanno.

ALBIOL 6 – Il Lipsia avanti crea pochi pericoli, ma Raul c’è sempre. Autorevole, guida la difesa con la sua esperienza.

TONELLI 6,5 – Parte in affanno, soffrendo velocità e fisicità dei giocatori tedeschi. Il suo secondo tempo, però, è di grande rilevanza. Cerca sempre l’anticipo, trovandolo. Stanco ma efficace nel finale.

MARIO RUI 6,5 – Il terzino portoghese cresce di partita in partita. La sua prestazione è più che positiva: difende, attacca, trova una grande intesa con Hamsik e Insigne sull’out mancino.

ALLAN 6 – Meno appariscente delle ultime uscite. Forse anche perché si gioca molto di più sull’asse di sinistra. Cresce alla distanza. Caparbia la sua discesa nell’azione del 2-0 napoletano.

DIAWARA 6 – Per il giovane regista Guineano, invece, un piccolo passo avanti rispetto alle ultime, deludenti, prestazioni. Tiene bene la posizione, dando sempre l’appoggio ai compagni. Ancora qualche imprecisione nelle verticalizzazioni.

HAMSIK 6,5 – Buona prova per il capitano azzurro. Soprattutto nel primo tempo si fa trovare spesso tra le linee, scambiando con Insigne e Mertens. Cala alla distanza e viene sostituito da CALLEJON 6,5 – 25′ di grande intensità per l’esterno spagnolo. Parte dalla panchina, come raramente è accaduto nei suoi anni in azzurro, ma riesce comunque ad incidere con buoni cross. Suo quello per il 2-0 di Insigne.

ZIELINSKI 7 – Il “nuovo De Bruyne” – come definito da Sarri in conferenza – non si lascia intimidire dal pesante paragone del suo allenatore, sfoggiando una prestazione super. A tutto campo. Viene in contro, taglia, lancia per i suoi compagni. Fa goal. Tutto questo in una posizione non sua.

MERTENS 5,5 – Se bisogna trovare una piccola pecca al Napoli di oggi, è il folletto belga. Leggermente sottotono, come già successo domenica con la SPAL. Nel primo tempo tenta di venire spesso in contro, scambiando sopratutto con Hamsik e Insigne. Nella ripresa, invece, si vede raramente. Chiuso nella morsa dei difensori del Lipsia.

INSIGNE 7 – Insieme a Zielinski è il migliore in campo, nonché autore dell’altro goal azzurro. In palla fin dalle prime battute: viene come sempre in contro e inaspettatamente cerca spesso la profondità. Entra nel primo goal con il tiro respinto dal portiere e realizza la seconda rete con un bel piatto sinistro.