LA CHIAVE TATTICA – Napoli rischio calo di attenzione, De Zerbi se la gioca alla Sarri!

La redazione di MondoNapoli si occuperà ogni settimana dei punti forti e deboli del Napoli e dei suoi rispettivi avversari cercando si “leggere” in anticipo la partita sotto l’aspetto puramente tattico.

MATCH: NAPOLI-SASSUOLO

Qui Sassuolo: De Zerbi dopo la battuta d’arresto in casa contro il Milan prova a ripartire anche se la sfida sembra molto ostica. L’allenatore neroverde dovrebbe schierare tutti i suoi effettivi titolari con il solo dubbio sul modulo anche se alla fine dovrebbe essere un 4-3-3 con Boateng ancora pronto ad agire da punta centrale con Di Francesco e Berardi ai suoi lati. De Zerbi opta molto per un calcio con fraseggi corti e ragnatele di passaggi proprio come quel Sarri che tanto ha fatto bene al Napoli, e che lo stesso allenatore del Sassuolo ha più volte ammesso di seguire. Il Napoli si troverà quindi di fronte ad un palleggio fatto velocemente e sopratutto un pressing in tutto il campo pronto a chiudere i varchi azzurri.

PUNTO FORTE- IL GIOCO: Il Sassuolo è una squadra “provinciale” atipica perchè prova a mantenere il possesso palla, palleggia bene e pressa alto. Quindi dimentichiamo difese ad oltranza, De Zerb verrà a Napoli a giocarsela a viso aperto e gli azzurri devono avere gli occhi bene aperti per non incappare in brutte sorprese.

PUNTO DEBOLE – SPAZI LIBERI: Se il Napoli riuscirà ad uscire dalla prima pressione palla al piede è possibile che si aprano dei varchi ampi per le cavalcate azzurre, se De Zerbi vuole giocarsela cosi a viso aperto è ovvio che corra questo tipo di rischi.

QUI NAPOLI: Ancelotti dopo la bella vittoria in Champions contro il Liverpool rimette testa e corpo in campionato. Il tecnico ha già pronte altre rotazioni con i rientri di Hysaj, Diawara, Verdi, Zielinski e Mertens mentre dovrebbero riposare Albiol, Hamsik, Milik oltre allo squalificato Mario Rui con in porta consueto ballottagio Ospina-Karnezis.Occhio alle soprese come Malcuit e Rog che si candidano per un posto da titolare.

PUNTO FORTE – IL MORALE: La vittoria contro i vice campioni d’Europa ha portato consapevolezza dei propri mezzi agli azzurri che ora più che mai sono convinti della propria forza e affronteranno le prossime partite con la voglia di continuare su questa falsa riga e dimostrare che anche il campionato non è chiuso.

PUNTO DEBOLE – STANCHEZZA (fisica e mentale): I Match di Champions portano via tanta energia sia mentale che fisica per questo Carlo Ancelotti proverà a cambiare uomini proprio per evitare cali di tensione in un match comunque molto complicato. Le rotazioni però non potrebbero bastare se i calciatori che saranno chiamati in causa non avranno in testa solo una parola cioè campionato. Ad Ancelotti l’ardua sentenza…