Moviola MN – Mariani si perde qualche giallo e commette un grave errore. Un giallo pesante nell’Atalanta

Partita super movimentata e carica di tensione agonistica quella tra Napoli e Atalanta, terminata 2-3. Analizziamo nel dettaglio la direzione arbitrale del signor Mariani:

I gol: check su Zapata, sul filo Demiral e Hateboer

Cinque gol e qualcosa da rivedere su ognuno di questi. Al 7′ sul lancio dalle retrovie di Palomino, Zapata scatta in posizione regolare e va a servire Malinovskyi per lo 0-1. Il VAR controlla una possibile irregolarità dell’attaccante colombiano, che nel controllare il pallone rischia di portarselo avanti con il braccio ma così non è.

Al 40′ Malcuit sorpassa in velocità Freuler e riesce a tenere in campo il pallone per poi metterlo in mezzo per Mertens che serve a rimorchio Zielinski, il quale in due tentativi pareggia la partita. Poi ad inizio ripresa arriva subito il raddoppio azzurro con Mertens, che parte prima di metà campo sulla verticalizzazione di Malcuit e va a battere Musso.

Al 66′ arriva il pari dell’Atalanta con Demiral, servito in profondità da Toloi, posizione al limite ma regolare. E 5 minuti più tardi c’è il gol vittoria di Freuler, dopo un’azione in velocità che sorprende la difesa del Napoli: anche qui tutto regolare.

I gialli: Mariani si lascia sfuggire qualcosa

Sono cinque anche i cartellini estratti da Mariani, ma si parte al minuto 8′ con Malinovskyi che entra in maniera ruvida su Mertens a centrocampo e non viene ammonito. Meno di 10 minuti e l’ucraino va a spingere Lobotka in corsa e si prende un giallo pesante che gli farà saltare il prossimo match. Al 28′ manca un giallo a Lozano, che stende da dietro Pessina con l’arbitro che si dimentica di ammonirlo dopo aver concesso il vantaggio.

Nella ripresa, dal 58′ al 64′ arrivano le due ammonizioni in casa Napoli: prima Rrahmani, che si perde Zapata e lo stende in scivolata, poi Malcuit, sempre per una scivolata ai danni di Malinovskyi, nonostante prenda anche la palla. Al 74′ manca un giallo a Zapata che allontana volontariamente il pallone, così come al 79′ per Toloi che commette fallo su Elmas bloccando una ripartenza sul nascere.

Ad 8 minuti dal 90′ c’è il giallo per Pasalic, che stende Elmas, e poco dopo anche per Djimsiti, che ferma Politano dopo essere stato saltato nettamente.

Gli episodi

Minuto 61: il VAR cancella il rigore assegnato all’Atalanta

All’ora di gioco Ilicic calcia dal limite dell’area trovando la deviazione di Mario Rui che, indipendentemente dal posizionamento dentro o fuori dall’area, prende la sfera con il piede e non con il braccio. Mariani concede subito il penalty ma viene immediatamente richiamato dal VAR che segnala il chiaro errore e gli fa correggere la propria decisione.

Minuto 87: Elmas giù in area di rigore, per l’arbitro è fallo in attacco

Mischia in area di rigore nei minuti finali dopo una punizione battuta da Mario Rui. Una deviazione fa impennare il pallone sul quale cerca di intervenire Elmas, che cade nel contrasto con Djimsiti. Per Mariani è fallo in attacco su Pasalic, ma in realtà il dubbio è proprio sul contatto con Djimsiti. I due si trattengono leggermente a vicenda, ma certo è che il macedone non commette alcun fallo. Il difensore della Dea gli si appoggia un po’ sulla schiena rischiando qualcosa, ma la dinamica non è sufficiente per assegnare un penalty.

Di seguito le valutazioni di MondoNapoli:

Arbitro – Mariani 5.5: Non gestisce alla perfezione i troppi falli commessi (soprattutto lato Atalanta) e commette una grave svista quando assegna il rigore all’Atalanta per presunto fallo di mano di Mario Rui.

Guardalinee – Longo-Vono 6.5: Attenti su tutte le situazioni al limite, soprattutto quelle inerenti i gol.

VAR – Banti 6.5: Fondamentale nel togliere il rigore ai nerazzurri, su Elmas invece da regolamento non deve intervenire.

Articolo precedenteMertens: “Oggi grande partita. Rinnovo? Io voglio restare”
Articolo successivoFare di necessità virtù