CHI SALE E CHI SCENDE – Le italiane in EL promosse, le tre di Champions rimandate!

Un weekend ricco di emozioni in una serie A che sta cercando di ripartire e mettere da parte i momenti tristi vissuti in questo periodo. Ogni giorno si effettuano tamponi con la speranza di risultare negativi per dare il proprio contributo alla squadra. In quei 90 minuti in campo, dunque, si mettono da parte le preoccupazioni, pensando solo a divertire e divertirsi. Non tutti, però, ci sono riusciti…

CHI SALE – Dopo due settimane lontani dal terreno di gioco il Napoli di Gattuso è tornato, lasciandosi momentaneamente alle spalle il processo con la Juve e la la sentenza di primo grado che ha penalizzato gli azzurri con il 3-0 a tavolino e un punto di penalizzazione. Nulla è ancora deciso, ci sono – infatti – fra la giustizia sportiva e quella ordinaria altri cinque gradi di giudizio che potrebbero, così, ribaltare la situazione. Il Napoli ha fatto il Napoli dando 4 palloni in una sola frazione di gioco all’Atalanta degli invincibili, ridimensionata clamorosamente da Lozano e company, con Osimhen che ha siglato la prima rete in serie A per la gioia di tutti. Un risultato che dà morale e spinge i partenopei a sognare in grande. Anche Milan e Roma vincono, le altre sfidanti di Europa League si proiettano alle gare di questa settimana nel migliore dei modi, in particolare gli uomini di Pioli usciti con i tre punti dal derby più famoso d’Italia.

CHI SCENDE – Dall’altra parte le tre “papabili” contendenti per lo scudetto hanno avuto una giornata sicuramente da dimenticare. L’Atalanta reduce da una batosta senza precedenti a Napoli; l’Inter dopo 4 anni cede il trono di re di Milano ai rossoneri, quest’ultimi – tra l’altro – in “trasferta”; la Juventus avrà fatto gli incubi con il volto di Forneau il quale ha espulso Chiesa alla sua prima da titolare, concesso un rigore al Crotone e annullato quello vincente di Morata costringendo i bianconeri a guadagnare un solo punto. Una situazione tragica per Pirlo che, tolto il 3-0 a tavolino, finora ha conquistato solo una vittoria. Una partenza da incubo, insomma.

Le sensazioni che solo il calcio può dare non tarderanno ad arrivare prospettandosi, almeno fino a questo momento, un campionato senza esclusione di colpi e una corsa ai primi posti tutt’altro che già scritta.