FIORI DI “PRIMAVERA” – Scopriamo Luigi Mentana, il centravanti azzurro per scelta di… cuore

Luigi Mentana nasce a Castellammare di Stabia il 3 marzo 1999, iniziando a dare i primi calci al pallone da piccolissimo; appena all’età di cinque anni, infatti, iniziò la sua avventura presso la scuola calcio Ernesto Apuzzo di Pimonte, conosciuta ai tanti per l’estrema dedizione e cura che adoperano per far crescere al meglio i propri ragazzi e, grazie alla quale, ha potuto mettersi in mostra e iniziare la gavetta con vari provini.

La sua stazza fisica (183 centimetri) gli ha permesso da subito di valorizzare il suo talento e, col tempo, migliorare dal punto di vista atletico e tecnico.

Le qualità del giovane Mentana hanno ‘colpito’ non solo il Napoli, ma anche altri club di spessore che avevano messo gli occhi sul centravanti, in particolare il Milan e la Juve, ma il cuore lo ha portato a vestire quattro anni fa la maglia azzurra, con un’operazione celere dell’ex responsabile del settore giovanile, Francesco Barresi.

La trafila per raggiungere la Primavera di Saurini è stata lunga ma efficace, risultando uno dei migliori tra i giovanissimi nazionali.

Nell’anno in corso è stato utilizzato quasi in tutte le gare, siglando per il momento una sola rete.

La punta centrale napoletana ha per caratteristiche fisiche e tecniche una somiglianza con Edin Dzeko, giocatore a cui si ispira e a cui vorrebbe avvicinarsi per stile.

La strada per il successo è ancora lunga, ma la sua ambizione e la volontà di far bene che manifesta già da ora, a soli 16 anni, dimostrano che un futuro roseo – o meglio azzurro – regalerà al giovane Mentana i risultati da lui sperati ed auspicati.