Il Mattino – Questione stadio, ultima chance a Comune e Società: impianto non sicuro, si rischia seriamente la chiusura. I dettagli

Ultima spiaggia, se non verranno presi al più presto provvedimenti adeguati lo stadio San Paolo di Napoli rischia seriamente la chiusura. Il prefetto di Napoli, Gerarda Pantaleone, ha deciso di non dare altre chance a Comune e Società: toccherà a loro assumersi gli impegni richiesti, altrimenti l’impianto di Fuorigrotta potrà essere chiuso parzialmente o vietato ad alcune frange della tifoseria, in base alle indicazioni che arriveranno dalle forze dell’ordine.

Oramai non c’è più tempo, dopo ciò che è successo sugli spalti nel corso di Napoli-Sampdoria ed il possibile coinvolgimento dei clan non potrà essere tollerato più alcun ritardo, è assolutamente necessario adottare idonee misure di sicurezza, dalle telecamere ai tornelli. Per questo motivo il prefetto ha deciso di convocare urgentemente una riunione del comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica, per la quale sono stati convocati a partecipare anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis.

Quello della prefettura è un vero e proprio scatto verso la ricerca di una soluzione alla questione stadio: il sindaco ed il patron azzurro dovranno necessariamente  partecipare alla riunione ed esporre le loro intenzioni e i loro progetti per la riqualificazione e messa in sicurezza dell’impianto. Il comitato provinciale è, infatti, il luogo di massimo confronto ed elaborazione di strategie nel settore dell’ordine pubblico, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione.

Fonte: Il Mattino

Articolo precedenteANSA – Pericolo scontri per Napoli-Lazio: severe restrizioni del Casms verso il club azzurro
Articolo successivoValdifiori ai microfoni Mediaset: “Tornare ad Empoli sarà emozionante, ma daremo il massimo per trovare la prima vittoria. Ho un messaggio per i tifosi…”