IL PUNTO DEBOLE – Sufficienza stentata

Il Napoli reagisce, subito dopo la sconfitta in coppa contro l’Atalanta, vincendo una vibrante partita contro il Verona di Pecchia. Tutta la squadra si è ben comportata, quelli leggermente sottotono sono stati Allan, Mertens e Albiol. Allan, contro gli scaligeri, non ha giocato la sua miglior partita con la maglia azzurra, ma ha svolto il suo puntuale compitino mettendosi come sempre al servizio della squadra. Diciamo subito che però il centrocampista brasiliano ci aveva abituati troppo bene nell’ultimo periodo e che quindi una partita leggermente al di sotto delle sue straripanti possibilità ci può stare tranquillamente. Utilizzerà la sosta del campionato per ritemprarsi e ritornare ad essere il vero leader temperamentale della truppa Sarri. Partita non esaltante è stata anche quella di Mertens. Sicuramente in ripresa rispetto a qualche tempo fa, è sembrato però non ancora fuori dalla crisi che lo attanaglia. La sua astinenza dal gol in campionato gli si sta ritorcendo contro, soprattutto dal punto di vista psicologico, sbaglia qualche passaggio di troppo e non attacca voracemente gli spazi come gli succedeva in precedenza. Calciatore assolutamente da recupare nel 2018, la sua crescita garantirà un supporto decisivo per il fronte d’attacco. Altro giocatore che non ha brillato in maniera particolare è stato lo spagnolo Albiol. Il centrale difensivo ha fatto sicuramente la sua parte ma, in maniera particolare nel finale di gara, ha perso qualche contrasto ed è apparso un pò in affanno quando si è trattato di recuperare sugli attaccanti scaligeri. Sottolineamo il fatto che in alcuni frangenti delicati lo spagnolo è stato aiutato in maniera determinante dal compagno di reparto Koulibaly. In conclusione, contro il Verona ci sono state da parte di alcuni azzurri solo piccole sbavature, che non hanno assolutamente pregiudicato il risultato finale.

Di Ferdinando Guma