Da Torino l’attacco a Spalletti: “Sceneggiata alla napoletana, come diceva Mina”

La roboante sconfitta sul campo del Napoli ha lasciato ferite aperte nel cuore dei tifosi della Juventus. Ecco quanto si legge nell’editoriale di Alessandro Santarelli per TuttoJuve: “Perdere una partita si può, perdere la faccia e la dignità no. Mai. Da Napoli esce una squadra con le ossa rotte, non solo sul campo ma anche fuori. Il crollo subito dopo il 3-1 lascia pesanti strascichi e apre tanti, troppi interrogativi. Gli errori, quando perdi come avvenuto venerdi sera, non sono mai unilaterali, ma abbracciano molte componenti”.Uscire da Napoli con appena 9 falli fatti, tirando quasi sempre indietro la gamba, accettando passivamente il palleggio dell’avversario, non è da calciatori degni di vestire la maglia della Juventus”.

In conclusione, il giornalista juventino ha attaccato Luciano Spalletti: “Così come non dimentichiamo la sceneggiata in puro stile napoletano di Luciano Spalletti. Con quella sua “ridicola” rincorsa nel cercare la mano di Allegri a fine partita non ha dileggiato il suo collega, bensì la stessa Juventus. Si ricordi il buon Luciano che prima ancora di essere grandi allenatori, cosa che lui è, bisognerebbe essere uomini soprattutto in campo e soprattutto dopo aver trionfato. La classe, l’educazione e lo stile non si acquisiscono con vittorie o scudetti”. Aveva ragione la grande Mina quando cantava ‘Piccolo Uomo’…”

Articolo precedenteReport dell’allenamento, le ultime su Kvara e Demme
Articolo successivoKiss Kiss – Ecco Gollini! Affare in dirittura di arrivo