Questo è il momento di mantenere la calma

La prima sconfitta, in un filone di tredici vittorie e due pareggi, sarebbe dovuta arrivare prima o poi. Sicuramente con l’Inter non è una tragedia, l’avversario è forte, giocava in casa e ha meritato, tutto sommato, di portare a casa questo big match. Ed è proprio adesso che bisogna mantenere la calma.

L’ambiente Napoli, si sa, è fin troppo umorale, passa da uno stato di entusiasmo ad una latente depressione nel giro di una gara. Questa volta, però, la crescita deve passare prima dai tifosi e poi dalla squadra, che stasera ha dimostrato di avere troppe responsabilità. Nessuno è apparso veramente in forma, con la testa giusta, quindi Spalletti in primis dovrà riavvolgere il nastro e ricominciare da dove si era finito il campionato a novembre.

Non sarà difficile per uno come lui gestire un momento così, in realtà ci è abituato perché, da tradizione, dicembre-gennaio non sono mai i suoi mesi preferiti: sarà per la preparazione atletica, sarà per le sfide che diventano sempre più complesse e ostiche anche dal punto di vista mentale, ma raramente ne è uscito indenne. Ed è adesso che si vedono i campioni, quelli che sovvertono i risultati e soprattutto dimostrano agli altri di che pasta siano fatti. Ora non ci si può crogiolare, il campionato è lungo e tortuoso. La Sampdoria sarà lo scoglio di evitare per non finire in crisi e non buttare via quanto di buono sia stato fatto.

Articolo precedenteGevi Napoli Basket, parla il neo coach Pancotto: “Qui per fare più fatti e meno parole”
Articolo successivoULTIM’ORA – Di Marzio: “Offerta dalla Turchia per Demme, c’è l’Adana di Montella”