Sosa: “Inter-Napoli? La partita vera si giocherà a centrocampo. Una vittoria demolirebbe le speranze degli avversari”

Roberto Carlos Sosa, ex calciatore, è intervenuto nel corso della trasmissione Febbre a 90, in onda su Vikonos Web Radio/Tv.

“Con la scomparsa di Pelé è venuto a mancare un altro pezzo della storia del calcio, lui è stato uno di quei giocatori che ti hanno fatto alzare dal divano, non l’ho visto dal vivo ma mio padre mi ha sempre raccontato le sue gesta. Non mi sono mai piaciuti i paragoni con Diego, ma credo che tutti i brasiliani sognassero di essere come ‘O Rei. Noi appassionati di calcio abbiamo vissuto nel ricordo di chi ci ha fatto assaporare momenti entusiasmanti”.

“Dopo la sosta ora pensiamo al Napoli, anche se per almeno per tutto il 2023 mi godrò la vittoria dell’Argentina. Per gli azzurri a San Siro sarà una sfida delicata, che conta più dei tre punti in palio: ascoltando i programmi bisogna dire che un po’… ce la stanno tirando in maniera assurda. Il Napoli deve combattere anche questo. La vittoria dell’Inter significherebbe molto nel senso della riapertura del campionato, il pari lascerebbe le cose così, un successo degli azzurri demolirebbe e speranze delle altre squadre. Non so cosa succederà alla Juventus il 20 gennaio per le sue vicende extracalcistiche, di certo i bianconeri faranno di tutto per racimolare punti sul campo, per il Napoli si tratterà comunque di un mese importante, con tre scontri diretti da affrontare. Il Milan è più vicino ma per me a Salerno non sarà facile”.

“Inter-Napoli che gara sarà? Ho visto i nerazzurri con il Sassuolo, Dzeko e Lukaku in attacco sono sicuramente due brutti clienti per i difensori partenopei. Non so chi giocherà accanto a Kim, se ci sarà Rrahmani, Ostigard o Juan Jesus. Lautaro non credo giochi dall’inizio anche perché torna solo oggi dalle vacanze. In ogni caso l’Iinter credo farà 4-4-2, l’importante è che il Napoli si faccia trovare pronto. Penso che Spalletti opterà per il consueto 4-3-3 con Politano a destra, Kvara a sinistra ed Osimhen. A centrocampo però si giocherà la partita vera, con Anguissa, Lobotka e Zielinski che potrebbero dare al Napoli superiorità numerica: ecco, la chiave del match sarà proprio in mezzo al campo”.

Articolo precedenteChiariello: “Sabatini parla di frode? Chiedetelo a noi napoletani”
Articolo successivoCaressa parla di Kim: “Mi sta piacendo tantissimo. Avete visto con che occhi arriva sugli avversari?”