Biasin: “Messi o Maradona? Diego rappresenta il calcio, Messi un qualcosa che si avvicina”

Fabrizio Biasin, giornalista di Libero, è intervenuto a Radio Napoli Centrale nel corso di Un Calcio alla Radio: “Al momento sono tutti dispersi i giocatori della Nazionale dell’Inter (ride, ndr). Devono mettersi d’accordo con la società per il riposo ed il rientro, ma il 4 gennaio c’è un impegno importante e c’è chi è disposto a rinunciare pur di far parte del gruppo. Lautaro salta le prossime due partite? Lui avrebbe diritto ad un riposo e potrebbe rientrare più tardi, ma non lo so per scontato. Ad ogni modo, Inzaghi sta provando qualche modulo nuovo che vedano Brozovic, Mykitharian, Barella e Calhanoglu insieme con la prima punta che potrebbe essere Dzeko. Lukaku si è allenato, ma non è in forma al 100%. Lo trovo ad un 40-45%. In Nazionale fisicamente e psicologicamente l’ho trovato assente, si spera abbia messo un po’ di benzina, ma è difficile vederlo già titolare. Lui è molto umorale, ha bisogno del supporto di tutti.

Ultima occasione? Per ambire allo scudetto va vinto lo scontro diretto, non sono d’accordo con chi dice il contrario. Bisogna tenere presente che il Napoli avrà tutti gli scontri diretti del girone di ritorno al Maradona, non roba da poco. L’attesa cresce, ieri c’è stata la festa di Natale e della partita si è parlato, ci sarà un gran pubblico, tenendo presente che in Italia non si gioca da un mese.

Messi o Maradona? Non ci deve essere un confronto. Messi è stato straordinario, ha fatto qualcosa di clamoroso. Dopodiché, secondo la mia opinione e di chi l’ha visto giocare, Maradona era un’altra cosa. Maradona rappresenta il calcio, Messi rappresenta uno che si avvicina a quella cosa lì”.

Articolo precedenteDal Portogallo – Mourinho incontrerà la Federcalcio portoghese prima del suo rientro a Roma
Articolo successivoImpallomeni: “Ko Napoli in amichevole? Meglio ora che dopo, anche per Spalletti”