La strada in salita del Napoli a gennaio

Se si vuole arrivare in cima alla montagna e vedere il mondo dall’alto, bisogna lavorare e sudare. Lo sa molto bene Luciano Spalletti, il quale ha da tempo capito che la stagione attuale deve essere affrontata con la giusta concentrazione in ogni momento. Il suo Napoli, che ha vinto il girone di Champions League ed è attualmente primo nel campionato di Serie A, si appresta a vivere un 2023 che deve affrontare con il massimo impegno, e partendo soprattutto da un mese di gennaio che sarà difficilissimo, almeno per le squadre che dovrà incontrare secondo il calendario. 

Il ritorno alle ostilità in Serie A, infatti, prevede per gli azzurri subito una trasferta molto ostica, ossia quella in programma il 4 gennaio in casa dell’Inter. Scommettere su questa partita dellla Serie A sará sicuramente un incognita per molti perché attualmente l’Inter è una delle grandi rivali nella lotta Scudetto e tra le più indicate come principali outsider dietro il Milan. Lo splendido e storico scenario di San Siro sarà l’ideale per uno scontro tra due delle squadre più forti del campionato, con due allenatori che non potranno assolutamente permettersi di sbagliare. Simone Inzaghi, tecnico dell’Inter, è infatti stato chiaro in una recente conferenza stampa, dicendo che esiste ancora una speranza di riprendere gli azzurri, ora molto lontani in classifica. Per questo motivo lo scontro diretto, per giunta da giocare in casa, sarà una grande occasione da sfruttare per Inzaghi, il quale vorrà confermare quanto di buono ottenuto soprattutto a fine anno 2022, quando oltre a recuperare un po’ di punti sulle rivali per la corsa alla prossima qualificazione in Champions League, ha anche ottenuto il passaggio agli ottavi dell’attuale edizione della suddetta competizione europea.

Spalletti, che dal canto suo dovrà dosare bene le forze, punterà molto sulla voglia dei suoi di continuare a far bene. Apparso piuttosto stanco nelle ultime uscite in campionato prima della sosta per i Mondiali, il Napoli dovrà tornare a offrire il meglio dal punto di vista fisico se vorrà uscire vivo da un gennaio nel quale, dopo l’Inter, dovrà affrontare prima la Sampdoria e poi la Juventus. Una Juve che nonostante i problemi societari in seguito alle dimissioni dell’intero CDA si sente rinfrancata per quanto riguarda i risultati, nettamente migliorati nel periodo tra ottobre e novembre. La sfida in programma allo stadio Diego Armando Maradona il 13 gennaio è senza dubbio di quelle elettrizzanti, sia per i giocatori sia per il pubblico dell’impianto di Fuorigrotta, il quale si esalta sempre in occasione di ogni visita della Vecchia Signora. I due incontri con due grandi compagini del Nord, il cui blasone e la cui forza sono sempre un fattore da tenere in conto, saranno indicativi di come gli azzurri si sono preparati nel mese di dicembre, un mese nel quale hanno avuto cinque giocatori impegnati ai Mondiali di Qatar, il che significa che si sono potuti allenare praticamente a ranghi completi. A fine mese, dopo l’impegno di Coppa Italia con la Cremonese e quello di campionato con la Salernitana, ci sarà il ritorno contro la Roma, un’altra sfida importante anche dal punto di vista mentale che darà ulteriori e importanti riscontri.

Articolo precedenteOsimhen: i complimenti arrivano anche dal Crystal Palace!
Articolo successivoL’ex Zola: “Napoli super organizzato, Lobotka e Anguissa straordinari”