Forgione: “I 5 anni di Var dicono una cosa su Juventus e Napoli”

Dopo l’episodio arbitrale molto discusso in Salernitana-Juve, Angelo Forgione ha parlato della tecnologia del VAR, ormai parte del calcio.

Ecco le parole del giornalista: Massimo Mauro sostiene che la VAR è stata introdotta per impedire alla Juventus di continuare a vincere. La teoria del complotto del compagno di golf di Andrea Agnelli va invece convertita in ben altra lettura del rapporto tra la Juve e la tecnologia a supporto degli arbitri, che si evince dai numeri delle decisioni con intervento della VAR dal 2017 a oggi, ovvero da quando in Serie A è stata introdotto il review a supporti dei direttori di gara”.

“Si iniziò con un rigore contro la Juventus, e da allora iniziò una pessima tendenza per i Bianconeri. I dati, al netto dei rari errori come l’ultimo in Juventus-Salernitana, parlano chiaro: la Juve è davvero la squadra più colpita dalla VAR. Gli interventi degli uomini davanti ai monitor a sfavore dei bianconeri, a oggi, sono stati addirittura 44, con un saldo negativo di 21 episodi contro. La squadra che invece ha più goduto della tecnologia è il Napoli: 41 chiamate che hanno rovesciato favorevolmente la decisione arbitrale e solo 22 contro, per un saldo positivo di 19 episodi a favore.

Se la Juventus subisce molte chiamate “contro”, significa che gli arbitri sbagliano a favore dei bianconeri e finiscono molto spesso per essere corretti, o a dover correggere. Al contrario, i direttori di gara tendono all’errore a sfavore del Napoli (ma anche della Fiorentina), salvo poi dover rivedere le loro decisioni e, spesso, sanarle. I numeri confermano certi storici preconcetti, che evidentemente preconcetti non sono”

Articolo precedenteLa conferenza stampa di Van Bronckhorst e Davis alla vigilia di Rangers-Napoli
Articolo successivoDonati: “Quando lo dicevo, la gente si metteva a ridere, ma è lui il nuovo Jorginho”