Agostinelli: “La testa non era giusta, non si può mollare così”

NAPLES, ITALY - FEBRUARY 25: Amir Rrahmani of SSC Napoli during the UEFA Europa League Round of 32 match between SSC Napoli and Granada CF at Stadio Diego Armando Maradona on February 25, 2021 in Naples, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Andrea Agostinelli si è espresso così a Radio Marte:

“La partita è stata equilibrata con episodi e gol bellissimi, non mi è piaciuto però il fatto che il Napoli abbia preso 3 gol in un quarto d’ora, anche se era in 9. Il Napoli non ci ha creduto. Quando la Fiorentina ha segnato con Venuti non ci hanno più creduto. Lozano era entrato anche bene, poi ha fatto un fallo incredibile. Fabian Ruiz anche. Qualcosa non va, nel calcio serve la testa anche nelle partite apparentemente meno importanti. La Fiorentina quest’anno ci si deve impegnare per batterla. Quando una squadra perde in questo modo ne risente. Peraltro ha perso tante partite in casa, paradossalmente è come se il Napoli fosse diventato una squadra da trasferta. La cosa che mi fa piacere è che nel momento di difficoltà sia sempre riuscito a reagire come gruppo. I titolari che sono entrati ieri hanno sbagliato. La testa non era giusta, il 2-5 può far male. La mia delusione è stata soprattutto nel quarto d’ora finale: non si può mollare così. Pensavo che Spalletti potesse mettere uno dei centrali in attacco per la mischia invece non l’ha fatto. La prestazione della Fiorentina è figlia della gara giocata a Torino. La panchina della Fiorentina poi era migliore ieri. Detto questo, la moria di giocatori deve finire perché altrimenti non può andare avanti il Napoli“.

Articolo precedenteSky – L’ex azzurro Younes lascia l’Eintracht Francoforte: andrà in Arabia Saudita
Articolo successivoMilik, niente Juventus: il presidente dell’OM smentisce la sua cessione