Serie A, Napoli-Atalanta: ora Spalletti ha un gran lavoro da fare

Un lavoro molto importante e sicuramente complesso spetta al tecnico toscano, Luciano Spalletti. Stiamo parlando della necessità di fare gruppo, e di affrontare le difficoltà derivanti dalle assenze che potrebbero minare il magnifico cammino del Napoli.

Super sfida

La prima sfida da dover affrontare è quella di sabato sera, alle ore 20,45. Si tratta di un match da sempre particolarmente sentito e che garantisce spettacolo: la gara con l’Atalanta di Gasperini. In passato le partite con i bergamaschi sono state sempre particolarmente accese e divertenti e ora la posta in palio potrebbe essere ancora più importante. Sì, perché gli azzurri e i nerazzurri sono distanziati soltanto da cinque punti in classifica, con i partenopei ovviamente capolista.

Il pareggio col Sassuolo brucia ancora, non tanto per il risultato in sé, visto e considerato che gli emiliani sono una squadra sempre ostica, ma per come sia arrivato. I bergamaschi, invece, vengono da quattro vittorie di fila e stanno dimostrando uno stato di forma davvero pazzesco. Come si può vedere dai siti che offrono pronostici calcio oggi, il Napoli risulta comunque ancora favorito per la sfida di sabato, nonostante siano diverse le assenze cui far fronte.

Assenze per Spalletti

L’ultima sfida in Emilia ha lasciato ulteriori strascichi che sicuramente erano scongiurabili. Oltre ad Osimhen ed Anguissa, non sarà a disposizione del tecnico toscano anche il difensore Koulibaly. Oltretutto, mancherà anche il capitano, Lorenzo Insigne ed è in dubbio Fabian Ruiz. Insomma, sarà un Napoli sicuramente rimaneggiato in vista della sfida di sabato.

In porta è confermato ancora una volta Ospina, in difesa invece spazio a Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus e Mario Rui; Demme e Lobotka saranno schierati a centrocampo, mentre sugli esterni ci saranno Lozano ed Elmas. Il polacco Zielinski sarà invece schierato dietro l’unica punta Mertens.

Il tecnico dell’Atalanta Gasperini, invece, dovrebbe utilizzare il suo solito modulo 3-4-2-1, con Musso tra i pali; Toloi, Demiral e Palomino schierati in difesa; Zappacosta, de Roon, Freuler e Maehle agiranno invece a centrocampo; Malinovskyi e Pasalic daranno aiuto all’attaccante Zapata. Quest’ultimo, vecchia conoscenza azzurra.

Tra statistiche e precedenti

Guardando i precedenti, notiamo come a Napoli, gli azzurri abbiano affrontato la scorsa stagione la squadra di Gasperini e abbiano vinto con un secco 4-1. La speranza è proprio quella che possa ripetersi un risultato del genere anche sabato, anche se sarà molto complicato per le ragioni che abbiamo spiegato. Le sfide con la Dea sono sempre state spettacolari e ricche di gol, quindi questo fa pensare già al fatto che i partenopei dovranno impegnarsi particolarmente. Oltretutto, potremmo tranquillamente affermare che il Napoli e l’Atalanta siano le due squadre che stanno dando maggiormente spettacolo in questo inizio di stagione. L’unico lato negativo è arrivare a questa importante sfida con importanti defezioni. La bravura di Spalletti dovrà essere proprio quella di creare ulteriore collante tra i giocatori e consolidare un sentimento di “squadra” che comunque sia si sta intravedendo a larghi tratti finora. È nei momenti difficili che la personalità dovrà essere tirata fuori.

Articolo precedenteRepubblica – Il comunicato del Giudice Sportivo su Spalletti parla chiaro: poche possibilità per il ricorso
Articolo successivoIl Mattino: Spalletti stupito dalla sentenza del Giudice Sportivo, ha chiesto subito di fare ricorso