La Repubblica – Gargiulo (Primario Cardarelli): “Osimhen? La guarigione ossea richiede un mese”

Il primario maxillo facciale dell’ospedale Cardarelli, Maurizio Gargiulo, ha parlato a La Repubblica dei tempi di recupero di Victor Osimhen.

“Ho visto lo scontro con Skriniar in diretta e ho capito che è stato violento. Non ho visto la Tac, ma è chiaro che dovrà sottoporsi a intervento con anestesia generale per la riduzione della frattura. Sarà inserita qualche placchetta di titanio nel caso fosse confermata la diagnosi, frattura scomposta con schiacciamento del pomello zigomatico. Tempi di ripresa? Sono operazioni di routine per noi. Di norma, un paziente nelle 24 ore successive può lasciare l’ospedale. Naturalmente con mascherine in policarbonato. Riprendere con un’attività fisica moderata e dopo una settimana corsa e allenamento. La guarigione ossea richiede una tempista di 30-40 giorni. Con i nuovi materiali con cui ora si fanno i tutori è tutto più semplice. Sono affidabili. Dal punto di vista fisico dopo cinque o sei giorni ci può essere la ripresa dell’attività motoria. Le placche di adesso rendono il recupero veloce. I materiali nel tempo sono migliorati tantissimo”.

Infine, il primario si sbilancia sul ritorno in campo: “Sto facendo ipotesi ma di certo sono già a conoscenza di questo tipo di tempistica. Io sono abbastanza ottimista: potrebbe essere convocato dopo quindici giorni se non ci sono problemi. Poi, evidentemente, deciderà l’allenatore con lo staff medico. Diciamo che prima di un mese potrebbe tornare in campo”.

Articolo precedenteIl Mattino – Napoli, due statue per ricordare Maradona: arriva anche Infantino
Articolo successivoGazzetta – Napoli, verso la Lazio torna la “Banda Bassotti”: al centro Insigne e Mertens