Fascetti: “Spalletti è stato accolto con troppo scetticismo, Osimhen è un’ira di Dio”

A “1 Football Club” ha parlato Eugenio Fascetti riguardo la situazione di Spalletti e di Osimhen in casa Napoli: Spalletti? Accolto con uno scetticismo inspiegabile, tant’è vero che sta già dimostrando il suo valore. Il Napoli, grazie a Luciano che è un allenatore di ‘marciapiede’, può vincere lo Scudetto. Dalla corsa al titolo mi sento di escludere la Juve: hanno perso troppi punti e non mi sembrano all’altezza delle altre. Stesso discorso per Roma ed Atalanta: manca ancora qualcosa. Oltre agli azzurri, si giocheranno lo Scudetto anche Milan ed Inter.

Osimhen? Lo stiamo vedendo in questa stagione, l’anno scorso è stato martoriato da Covid ed infortunio. Lui è un’ira di Dio, ma non è l’unico top in quella rosa: ricordiamo Insigne, Lozano, Politano e Zielinski. Rinnovo Insigne? Dev’essere successo qualcosa tra il ragazzo e la società, vedo troppe tensioni, forse ancora legate alla questione multe. Io, fossi l’allenatore del Napoli, chiederei un sacrificio al presidente per tenerlo, ma solo se cambiano i presupposti: senza serenità, non lo terrei”.

Articolo precedenteRAI, Sirigu: “Abbiamo un percorso da fare e ripartiremo nel migliore dei modi”
Articolo successivoFine primo tempo, Italia-Belgio 0-0, equilibrio a Torino