Turrini: “Insigne? Non pensavo si arrivasse a questo punto. Vi spiego dove deve intervenire AdL”

Francesco Turrini, ex calciatore del Napoli, è intervenuto a Radio Punto Nuovo, durante la trasmissione Punto Nuovo Sport Show. Argomento principale, le sfide dei partenopei, attraverso la questione del rinnovo di Insigne, il punto sul settore giovanile, la partita Napoli-Verona, ed altro:

“Non è facile capire che prospettive ci sono per questo Napoli, anche se la speranza è quella che il Napoli possa terminare il campionato meglio dello scorso anno, centrando la qualificazione in Champions League. Avendo preso Spalletti come allenatore, la scelta è stata chiara, il presidente ha voluto un allenatore vincente e con grande esperienza nella gestione dello spogliatoio. Poi, vedremo alla fine della campagna acquisti come stanno le cose: se dovesse rimanere così potrebbe essere deficitario in alcune zone di campo. La personalità è un punto dolente, in una partita determinante come quella col Verona Il Napoli ha peccato di grandissima personalità. Ed è per questo il motivo per cui il presidente dovrebbe intervenire proprio sul mercato andando a prendere giocatori che hanno l’abitudine a giocare partite importanti anche a livello internazionale. Insigne? Non pensavo si arrivasse a questo punto, rappresenta l’emblema della città che arriva a dimostrare il suo valore nella sua squadra. Conosco Gaetano perché l’ho incontrato con la primavera ed è un giocatore molto interessante. Se diciamo che bisogna credere nel settore giovanile e poi quando ne hai uno o due bravi in casa bisogna che vengano valorizzati”.

Articolo precedenteCostacurta, scomparsa la madre a causa di un malore improvviso
Articolo successivoCoronavirus in Campania, i dati del bollettino odierno