PAGELLE MN – Il Napoli detta legge al Maradona: Osimhen e Fabian di un altro pianeta, record Insigne!

Il Napoli vince la prima delle tre finali per la qualificazione alla Champions League. Allo stadio Diego Armando Maradona gli azzurri schiantano il malcapitato Udinese con un sonoro 5-1. Di seguito le pagelle della nostra redazione:

Meret 6: Una partita da spettatore. Subisce gol sull’unico tiro degli avversari, ma non ha colpe sul tiro di Okaka.

Manolas 6: Subisce la forza di Okaka in occasione del gol. E’ la sua unica macchia in una partita fatta di poche carinerie, spazzando via ogni pallone che passa dalle sue parti e dando poche possibilità di gioco ai giocatori offensivi dell’Udinese. Da un suo colpo di testa nasce la rete di Di Lorenzo.

Rrahmani 6,5: Anche lui come Meret è uno spettatore non pagante. Va detto, però, che ormai ha fatto uscire fuori la sua personalità e la sua sicurezza si sente. Nonostante gli azzurri subiscano quasi sempre un gol, sono episodi sporadici in partite comandate dalla difesa e la coppia formata con Manolas sta dando buoni risultati.

Di Lorenzo 7: Qualche errore in disimpegno a metà ripresa, ma si fa perdonare con il quarto gol della serata. Le sue prestazioni sono state sempre quasi sopra la sufficienza in questa stagione e il suo contribuito in difesa è sempre importante così come in attacco: 3 gol e 6 assist in campionato.

Hysaj 6,5: Come al solito compie una partita diligente senza strafare in avanti ma compiendo il suo lavoro in fase difensiva. Nonostante tutto non si può negare il suo impegno e la sua professionalità nonostante la situazione contrattuale. (Mario Rui s.v.)

Bakayoko 6,5: Muscoli e pressione a centrocampo. In questo finale di stagione si sta dimostrando un’ottima alternativa a centrocampo al fianco di Fabian Ruiz. (83′ Demme s.v.)

Fabian Ruiz 8: Continua il suo buon periodo condito da un gol spettacolare con un tiro a giro che si infila nel sette e non lascia scampo a Musso. I palloni passano dai suoi piedi e la qualità vista in questa squadra nella seconda parte di stagione è dovuta anche dalla sua completa ripresa dopo la sua positività al Covid. Si prende il voto più alto delle pagelle di oggi.

Lozano 7: Nel primo tempo un suo scatto mette in difficoltà Bonifazi che poi con le unghie respinge in angolo un tiro di Osimhen. Protagonista nella ripresa andandosi a prendere in pressing alto un passaggio corto di Musso per poi trafiggerlo di precisione con il destro per il 3-1. (75′ Politano 6: Il migliore nei cambi di Gattuso. Rischia di andare in gol e da una sua giocata respinta dalla difesa friuliana nasce la marcatura di Insigne. Molto apprezzati i suoi ripiegamenti in difesa).

Insigne 7: Un poco egoista nel secondo tempo, forse dovuto anche dalla stanchezza di una stagione ad altissimi livelli. Nonostante cominci ad essere meno attivo nei minuti finali, riesce a trovare il gol con un bel tiro da fuori area all’ultimo minuto e poco prima spacca la traversa con un tiro dal limite. Non tra le sue migliori prestazioni, ma rimane comunque una grandissima prestazione con il suo diciottesimo gol in stagione come ciliegina sulla torta.

Zielinski 7,5: Primo tempo condito con gol e protagonista anche anche sul momentaneo raddoppio di Fabian Ruiz. Ottavo gol in stagione e la sua continuità in questo girone di ritorno è l’arma in più della squadra: quando accelera è semplicemente devastante. (75′ Elmas: s.v.)

Osimhen 7,5: Stato di forma straordinario. Sul tabellino dei marcatori non c’è il suo nome in occasione del primo gol ma i meriti sono tutti suoi. Gli avversari non gli prendono mai le misure e da un suo contropiede nasce il calcio d’angolo che porta il Napoli sul 4-1 con Di Lorenzo. Lascia il campo senza reti, ma rimane tra i migliori nelle pagelle della nostra redazione. (70′ Mertens 6: Il suo attaccamento alla maglia e la sua generosità vanno sempre premiate. Serve il miglior Mertens in queste ultime partite, oggi si limita a gestire alcuni palloni, domenica a Firenze serviranno anche i suoi gol)

Gattuso 8: Peccato che non possa parlare in questo ultimo scorcio di campionato. Ha messo la faccia durante i periodi più bui di questa stagione, mentre adesso non può farlo nel periodo migliore. Altra goleada in casa e il suo Napoli gira che è una meraviglia. Gli errori individuali dei calciatori non possono essere attribuiti al mister, escluso qualche problema di gestione settimana scorsa con il Cagliari, gli azzurri sono tra le squadre più in forma del campionato e in questo momento, con questo tipo di stagione, non è roba da poco. Chapeau.

Articolo precedenteTOP&FLOP – Napoli-Udinese, il migliore ed il peggiore in campo per gli azzurri
Articolo successivoPistocchi: “Il Napoli ha un leader e un capitano dal talento indiscutibile!”