Altafini: “Gattuso non ha fatto molto, ma i dirigenti di oggi sono da Serie C”

José Altafini, doppio ex di Napoli e Juve, ha avuto modo di parlare della sfida di campionato a Tuttomercatoweb.com, oltre che di alcuni temi riguardanti le due squadre in questione.

“Si tratta di una partita che potrebbe essere importante per il primato in classifica: se la Juve vince diventa ancora più pericolosa. Il Napoli è un po’ dottor Jekyll e mr Hyde, ne gioca una male l’altra meglio. È difficile giudicarlo: tre anni fa era fortissimo poi pian piano è peggiorato, colpa dei giocatori non adatti al Napoli. Domani per il Napoli è più delicata? Quando si perde è chiaro che il pubblico, i tifosi hanno qualcosa da ridire. E i problemi sono per tutti”.

Gattuso ha ereditato la squadra da Sarri e Ancelotti e in più non è che abbia fatto tanto. Poteva puntare allo scudetto ma negli ultimi tempi è peggiorato. C’è anche da fare un discorso generale: molti dirigenti di oggi sono da Serie C… Una volta i presidenti non venivano negli spogliatoi, mettevano uomini importanti a trattare e dirigere. Oggi fanno tutto loro: mandano via allenatori, vincono il record di esoneri. Oggi il calcio è peggiorato nella dirigenza, guardate la discussione tra Conte e Agnelli. Nel passato non sarebbe mai avvenuta una cosa del genere. Il più grande dirigente del Napoli è stato Roberto Fiore ma nessuno lo dice”.


De Laurentiis? È un presidente padrone. In generale, ripeto, non esistono più i grandi presidenti di una volta. Osimhen? Non l’ho visto giocare molto perché mio figlio è tifoso del Napoli e quando ci sono le partite dei partenopei spesso le vuol vedere da solo… Pirlo alla Allegri? Max ha vinto 5 campionati, aspettiamo che ne vinca almeno uno. Se può assomigliargli nel gioco? Quando uno eredita una squadra con 22 giocatori che possono essere utilizzati quasi indistintamente, non è così difficile fare l’allenatore”.

Articolo precedenteAnticipo Serie A – Bologna Benevento le formazioni ufficiali.
Articolo successivoPistocchi: “Il Napoli ha perso identità. De Laurentiis deve aspettare fine campionato per intervenire”