I protocolli anti contagio nazionali ed europei

Aumentano i contagi, l’Italia si divide fra zone rosse, arancioni e gialle e anche il mondo sportivo si adegua con nuovi protocolli anti contagio. La FIGC ha aggiornato i protocolli (vigenti da agosto 2020) per allenamenti e gare della Lega Nazionale Dilettanti e le nazionali del calcio a 5. Vediamoli in sintesi.

Distanziamento – Mantenere due metri di distanza al chiuso e all’aperto. Inoltre si consiglia di evitare di utilizzare gli spogliatoi e, laddove necessario farlo, si utilizzeranno pettini, prodotti da bagno e asciugamani per asciugare il corpo in parte o per intero, verranno poi disinfettati prima di usi successivi.

Comportamento – è fatto divieto di cantare, ballare, avvicinarsi faccia a faccia e abbracciarsi.

Mezzi di trasporto – è consigliato caldamente l’uso di mezzo privato, in modo da evitare forme di contagio esterne.

Vita sociale – Divieto di partecipare in orario extra sportivo, ad attività di potenziale pericolo, come pasti e feste molto frequentate.

Tracciamento – Verranno effettuati test per il covid 19 e gli atleti positivi verranno immediatamente isolati e messi in quarantena obbligatoria.

Stage, gare, allenamenti – Dev’essere individuata una data di inizio e di conclusione, e le strutture preposte che potranno essere sia “uniche” (allenamento e alloggio in un unico luogo), sia “separate” (le due attività si svolgono in luoghi diversi).

Vari gruppi – Le persone coinvolte nell’organizzazione e frequenza degli eventi sportivi, sarà divisa in 3 gruppi per mansione e avrà protocolli anti-covid specifici per i livelli di test.

Hygien Officer – La Federcalcio ha incaricato una figura, l’hygien officer, preposta a verificare che le norme igieniche vengano rispettate. Questa figura può anche essere svolta da personale interno.

Le zone – Lo stadio viene diviso in quattro zone, che verranno igienizzate in fasce temporali diverse ben definite. L’accesso a tali zone è possibile solo dopo l’opportuna sanificazione.

Numero di presenze – Per le partite di calcio serie A a cinque, possono essere presenti solamente 130 persone, che dovranno aver fatto il test anticovid ed esser risultate negative. Nel documento ufficiale sul sito FIGC è possibile vedere quali mansioni hanno le persone ammesse.

Voli charter – Per evitare mezzi pubblici, nelle trasferte è raccomandato l’uso di voli charter, obbligatorio nei Paesi a rischio. in caso in cui non fosse possibile sarà obbligatorio tenere la mascherina per tutta la durata del viaggio, lavaggio delle mani e controllo della sanificazione del mezzo di trasporto. Gli atleti verranno disposti con distanziamento sociale.

Hotel – Sarebbe preferibile l’uso esclusivo dell’hotel, ma laddove non fosse possibile e fosse stata verificata la sanificazione della struttura, saranno individuati dei percorsi esclusivi per atleti, evitati gli ascensori, e una sala mensa dovrà essere allestita solo per gli sportivi. Nei casi di soggiorni lunghi, la squadra dovrà prendere contatti personalmente con la lavanderia, per aver un servizio che non tocchi le attrezzature lavate.

Il documento diramato dalla FIGC ha diffuso norme precise anche su come scendere in campo, l’atteggiamento da tenere con l’arbitro, e le indicazioni sui vari momenti della gara. I protocolli verranno poi rinnovati quando cambieranno anche quelli nazionali.

Articolo precedenteIl cuore napoletano di Ciro Ferrara e la Serie A per la solidarietà
Articolo successivoUFFICIALE – Malcuit è un giocatore della Fiorentina: la formula dell’operazione