Pagelle MN – Super Insigne, Demme in forma smagliante

Il Napoli di Gennaro Gattuso fornisce una prova super convincente all”Ezio Scida‘ di Crotone dove batte la compagine allenata da Giovanni Stroppa per 0-4. Partita quasi mai in discussione sbloccata da una meraviglia del capitano Lorenzo Insigne, alla quale ha seguito la rete siglata da Lozano su un assist spaziale sempre di Insigne. Demme e Petagna nel finale chiudono la partita definitivamente. Queste le nostre pagelle della partita:

Ospina 6+: Poco impegnato ma si fa trovare attento nell’unica occasione da gol del Crotone sul tiro al volo di Vulic. In uscita sempre attento e dà sempre una grande sicurezza alla difesa. Chiude anche la partita senza subire reti.

Di Lorenzo 5.5: Forse il meno attento di questa sera. Reca su quella fascia è un treno continuo e il terzino azzurro lo soffre. Non si fa trovare in posizione nell’occasione di Vulic e sbaglia qualche appoggio semplice. Non una bruttissima prestazione nel complesso, ma non al top.

Koulibaly 6: Pronti, via e viene saltato da Messias che lo costringe al fallo da ammonizione dopo 5 minuti. Poteva essere condizionato dal cartellino, ma fa una partita sicura e non sente il peso della sanzione. Nel complesso viene impegnato poco. (Maksimovic S.V.: Dà un meritato riposo finale a Koulibaly che non ha saltato nessuna partita della stagione).

Manolas 6: Anche lui poco impegnato, ma quando doveva esserci si è fatto trovare presente. Partita tranquilla e serena anche per il greco.

Mario Rui 6: Spinge molto, anche se crea pochi pericoli. Attento in fase difensiva, ha affrontato giornate ed avversari peggiori.

Bakayoko 6: Il francese non è in una delle sue serate migliori, ma non fa molti errori e fa una partita ordinata e pulita. Sbaglia qualche appoggio, ma recupera molti palloni. (Dal 77′ Lobotka S.V.: Viene ammonito per un fallo evitabile, ma nel complesso non incide nè in negativo nè in positivo. Gioca troppo poco per essere valutato).

Demme 7: Dopo il gol contro il Rijeka si ripete con una bella staffilata dal limite dell’area che finisce nell’angolino. Partita strepitosa a centrocampo per il numero 4, che ha unito quantità e qualità servendo anche palloni interessanti per gli attaccanti. Guadagna anche l’espulsione di Petriccione.Periodo di forma eccezionale per lui.

Lozano 7: Segna e diventa il capocannoniere stagionale degli azzurri con 6 reti in totale. Fa ammattire i difensori del Crotone con i suoi sprazzi grazie ai quali diventa imprendibile e costringe gli avversari a buttarlo a terra. Guadagna anche due ammonizioni per i calabresi. (Dal 77′ Politano 6: Gioca 10 minuti ma si fa vedere ed è pimpante. Viene ammonito per una simulazione che non c’è, ma è un calciatore che quando punta sembra sempre possa essere pericoloso).

Zielinski 6.5: Partita a sprazzi per il polacco che, però, quando si accende fa vedere giocate di una classe pazzesca, come ad esempio il tunnel con il quale si libera del suo avversario nell’occasione del gol di Insigne. Se riuscisse a dare continuità a queste giocate potremmo parlare di un vero top player. (Dal 69′ Mertens 6.5: In venti minuti fornisce i due assist per le due reti finali. Come al solito, il belga è una garanzia e anche da subentrato dimostra di essere un calciatore incredibile)

Insigne 7.5: Ancora una volta il migliore in campo. Per la seconda volta di fila fa gol e fornisce un assist, dopo la partita con la Roma. Torna in difesa per 90 minuti, si trova per tutto il campo e corre tutta la partita. E’ in un periodo di forma mostruoso che dura da inizio stagione, ormai il capitano azzurro può dirsi maturato e pronto per diventare un top player. (Dal 78′ Elmas S.V.: Si vede pochissimo nei 10 minuti in cui è in campo).

Petagna 6.5: Ottimo primo tempo, anche se sbaglia una rete non difficile colpendo Cordaz a tu per tu. Fa molto movimento come suo solito e gioca bene per la squadra. Nel secondo tempo è un po’ spento ma riesce a realizzare la rete dello 0-4.

Gattuso 6.5: Buona preparazione alla partita e cambi giusti in ottica Europa League. Il Napoli messo da lui in campo domina il Crotone e non soffre praticamente mai. Conferma la sua bravura nel saper leggere le partite contro le ‘piccole‘ con le quali quest’anno ha sempre vinto.