Come una magia, come un sogno, come il più bello dei romanzi: Diego è ovunque, è in ogni partenopeo

Diego c’era. Ieri, in campo, c’era. Era in ogni singolo giocatore. Nella loro anima. Nel loro cuore. Nei loro piedi. È come se Napoli e il Napoli avessero un nuovo santo in paradiso che li protegga. Diego è ovunque. È sempre stato ovunque. Tra i ricordi di chi lo ha vissuto, tra i vicoli di Napoli, tra le mura della città, tra gli spalti, tra i cori, tra i futuri ragazzi partenopei. Amore e venerazione. Appartenenza e devozione. Diego è in ognuno di noi. In ogni singolo napoletano. Non è mai andato via, e non andrà via mai.

Ieri era lì. Vicino al Capitano. Mostrandogli il punto giusto da colpire. Accompagnando, poi, la palla in rete. Come una magia, come un sogno, come il più bello dei romanzi: un figlio di Napoli, in onore del D10S Eterno.

Da Lorenzo, per Diego.

E da qualche giorno, Napoli e il Napoli, aropp’ San Gennaro, tenen pur a’ San Diego! E mo’ sfidateci pure.

Articolo precedenteEurorivali, insieme al Napoli vince soltanto l’Az Alkmaar
Articolo successivoDe Magistris conferma: “Scelto il nome dello Stadio. Ecco da quando sarà valido”