Milan-Roma: gol, spettacolo e polemiche nel posticipo di San Siro

Finisce con un pirotecnico 3-3 il Monday Night tra Milan e Roma, partita nella quale è successo di tutto.

L’indisponibilità last minute di Gianluigi Donnarumma ha costretto Stefano Pioli a schierare il suo vice Ciprian Tătărușanu tra i pali.

La partita si sblocca dopo appena 2 minuti con un gol di Zlatan Ibrahimović. Risponde al minuto 13 Edin Džeko su calcio d’angolo sfruttando la goffa uscita del portiere rumeno. È però nella ripresa che il match diventa ancora più esaltante. Dopo appena due minuti, Leão serve un pallone invitante per Saelemakers che riporta in vantaggio i rossoneri.

Al minuto 68, su una carambola in area di rigore, Giacomelli assegna un penalty molto discutibile per fallo di Bennacer su Pedro, successivamente trasformato da Veretout; ma non finisce qui, perché saranno i giallorossi a protestare successivamente per un altro rigore concesso dal direttore di gara, stavolta al Milan per un dubbio fallo di Mancini su Hakan Çalhanoğlu.

Ibra realizza portando i suoi sul 3-2, ma il match non smette di sorprendere, e al minuto 83 i capitolini riacciuffano il pari con un gol del neoacquisto Kumbulla. Gli uomini di Pioli restano saldi al comando della classifica, mentre quelli di Fonseca salgono a quota 8 punti.