Il derby dei fratelli Insigne

Un derby nel derby: i fratelli Insigne si sono scontrati per la prima volta nella massima serie in una sfida che, per entrambi, ha un sapore tutto particolare.

Il destino a volte sembra essere così scontato che il gol di Roberto, con la maglia del Benevento, contro il Napoli, tra l’altro il suo primo in A, non ha stupito. Si è emozionato, nonostante avesse “ferito” la sua squadra del cuore. E Lorenzo, anche se non felice per la rete subita, avrà sorriso dentro di sé. Il primo tempo ha ricordato tanto quello giocato contro l’AZ Alkmaar: sotto ritmo, con passaggi finali in attacco sempre approssimativi. Dall’altra parte le disattenzioni difensive hanno messo in serio pericolo gli azzurri, lontani dunque dalle prestazioni mostrate fino a una settimana fa contro l’Atalanta. Un cambio di marcia che, non poco, ha preoccupato Gennaro Gattuso il quale ha superato più volte l’areea tecnica per riprendere i suoi ragazzi un po’ troppo superficiali nei passaggi e nelle ripartenze.

Provvidenziale è stato il ritorno di Lorenzo dall’infortunio avvenuto contro il Genoa: il migliore in campo, oggi, per voglia e costruzione di gioco. Da vero capitano ha preso la squadra sulle spalle e ha dato il ‘la’ per il cambio di rotta verso 3 importantissimi punti. La sua rete nella ripresa, per di più col piede “debole”, ha riacceso la speranza nella squadra e con l’ingresso di Petagna il Napoli ha conquistato la quarta vittoria in campionato. Parlando di numeri, si tratta di un record tutto nuovo a carattere familiare: non era mai successo che due fratelli avessero segnato in due porte differenti in serie A. Un primato, insomma, tutto napoletano.