Wendel, il centrocampista tuttofare che ha stregato il Napoli

Il centrocampo azzurro potrebbe, nonostante la possibile cessione di Allan, tingersi nuovamente di color verdeoro: infatti pare che il Napoli per sostituire il brasiliano ex Udinese, stia monitorando con molta attenzione il nome di Wendel, perno brasiliano dello Sporting Lisbona.

Wendel, nato a Duque de Caxias (città della regione di Rio de Janeiro) il 28 agosto del 1997, fu notato dagli scout della Fluminense che lo aveva scartato qualche anno prima. Nel gennaio del 2017 Abel Braga lo promuove in prima squadra ed al centrocampista basta un solo anno per imporsi, da titolarissimo, all’attenzione generale: 33 presenze nel Brasileirão e 8 in Copa Sudamericana, al di là delle 17 accumulate nel campionato statale Carioca: 7 gol nelle 58 apparizioni complessive, prestazioni eccellenti in serie nella zona nevralgica. Wendel, aiutato da un fisico scattante (180 cm per 74 kg) riesce a coniugare benissimo le due fasi, può disimpegnarsi davanti alla difesa ma anche da interno di centrocampo, senza disdegnare gli inserimenti in zona gol figli della naturale predisposizione a leggere i tempi di gioco con quell’attimo di anticipo che fa la differenza. Per non parlare della personalità da veterano, quale non è.

Wendel, prima della pandemia aveva una valutazione di mercato intorno ai 30 mln, ma i problemi economi del club portoghese potrebbe far scendere il prezzo intorno ai 20-25 mln. Il 24 enne brasiliano è pronto per nuove esperienze, dopo essersi imposto nelle file del club di Lisbona ed essendo nel giro della Selecao di Tite, il grande salto ora è dietro l’angolo.

Giuntoli lo segue, se son rose fioriranno.