“Napoletano Coronavirus”: anche a Brescia cori beceri e razzismo verso i Napoletani

Gli atti discriminatori nei confronti del Sud Italia, ma in particolar modo verso Napoli, sono ancora, purtroppo, di grande attualità sugli spalti degli stadi italiani. Questa sera, nel corso di Brescia-Napoli, gli ultras della Leonessa si sono resi protagonisti intonando cori deplorevoli, tra i quali: “La vergogna dell’Italia siete voi” e il nuovissimo “Napoletano Coronavirus”, anche se, proprio la Lombardia, è la regione italiana maggiormente colpita da questo violento virus. Mettendo da parte gli spiacevoli episodi accaduti nelle scorse stagioni, quest’anno non è la prima volta che si verificano tali situazioni, ricordiamo (per esempio) la trasferta a Genova oppure i cori inneggianti all’eruzione del Vesuvio durante Roma-Napoli, partita poi sospesa dall’arbitro. Il calcio si augura che con questi soggetti siano immediatamente presi seri provvedimenti, perché, come sottolineano Paolo Condò a Sky Sport e Fabio Caressa in telecronaca, non sono i benvenuti all’interno di impianti sportivi.