Napoli-Cagliari, gli azzurri a caccia di vendetta

Era un mercoledì 25 settembre quando, in un turno infrasettimanale di SerieA, il Napoli cade allo scadere del secondo tempo contro il Cagliari al San Paolo, nonostante una gestione di gara ottima degli azzurri con 8 tiri in porta e il 63% percento di possesso palla, a differenza della squadra sarda che va in rete con l’unico tiro verso lo specchio e solamente il 37% del possesso. 5 mesi dopo, il Napoli è costretto ancora a rincorrere la squadra di Maran in classifica posizionata all’ottavo posto a quota 32 punti. E proprio domenica, al Sardegna Arena, le due squadre si trovano faccia a faccia in un match che può significare tanto e sopratutto dare giudizi sul futuro di entrambe le compagini. La squadra di Rino Gattuso dopo la vittoria conquistata ai danni dell’Inter in coppa Italia, deve dare continuità di vittorie in campionato, vista l’ultima e l’ennesima sconfitta in casa contro il Lecce. Sarà anche l’occasione di smentire il risultato bugiardo del girone di andata e vendicare il goal killer che condannò il Napoli alla sconfitta.