Sampdoria-Napoli, tra dubbi e certezze: ecco come arrivano le due squadre al match

Sampdoria-Napoli sarà il match della 22esima giornata, con il posticipo che si giocherà domani sera, allo stadio Marassi di Genova.

Il Napoli ritroverà nella sfida alcuni ex: Tonelli, Gabbiadini e, soprattutto, Fabio Quagliarella.

Il match sarà il numero 106, tra le due squadre in Serie A, la 53esima a Genova. Il bilancio dei 52 precedenti segnano 21 vittorie Samp, 17 pareggi e 14 successi per il Napoli.

Sono minori le vittorie del Napoli, con l’ultimo successo che risale al 13 maggio 2018, con un 0-2 targato Milik e Albiol.

Come arrivano al match Sampdoria e Napoli?
La Samp, in questo mese di gennaio, conta una vittoria (5-1 contro il Brescia), due pari (contro Milan e Sassuolo a reti inviolate) e una sconfitta (5-1 contro la Lazio).

Il Napoli, invece, arriva al match forte della vittoria, in Coppa Italia, contro la Lazio, ma, soprattutto, del successo contro la Juventus, nonostante le sconfitte contro Inter, Lazio e Fiorentina, in campionato. Nel mezzo anche il successo contro il Perugia.

LE SCELTE – Ranieri dovrà fare a meno di Bereszynski squalificato, al suo posto dovrebbe esserci Thorsby. Per l’ex Tonelli possibilità dal primo minuto. A centrocampo, Ekdal e Ronaldo Vieira, con Gaston Ramirez a destra e Linetty a sinistra. Attacco con i due ex Gabbiadini e Quagliarella.

Nel Napoli, invece, sicuro il forfait di Fabian Ruiz, alle prese con un attacco febbrile, ma Gattuso potrà contare sul ritorno di Mertens, Allan e Koulibaly.

Tra i pali, secondo le ultime voci, potrebbe toccare di nuovo a Meret. In difesa, conferma per Di Lorenzo centrale, con Manolas e Hysaj e Mario Rui, sulle fasce.

. In difesa, potrebbe avere una chance Maksimovic per affiancare Manolas, con Di Lorenzo e Mario Rui sulle fasce. A centrocampo, potrebbe toccare a Lobotka in mediana, con Zielinski e Elmas a completare il reparto. Le certezze sembrano arrivare tutte dall’attacco, con il trio Callejon, Milik e Insigne, ma occhio a Mertens.

Articolo precedenteChiariello: “Ghoulam e Younes sono esclusi da Gattuso! Su Giuntoli…”
Articolo successivoUdinese-Inter 0-0: primo tempo equilibrato tra le due squadre