Insigne bis e il Napoli vola ai quarti di Coppa Italia

Vittoria che in altri tempi sarebbe stata scontata, oggi appare quasi una manna dal cielo. Un rigore parato da Ospina in questa Coppa italia che si è in parte rifatto dell’errore che è costata la terza sconfitta in quattro gare in campionato e una classifica che ha spostato il Napoli a destra di essa, situazione che non si vedeva dai tempi di Donadoni.

I due gol che hanno deciso la partita contro il Perugia portano la firma di Lorenzo Insigne, il capitano si è preso entrambe le volte le responsabilità di battere i calcio di rigori che, prima a sinistra e poi a destra, hanno battuto il portiere perugino. Il secondo tempo ha visto la squadra partenopea in netta discesa per quanto riguarda il ritmo e l’intensità, forse consci di avere un vantaggio importante e la consapevolezza che la Fiorentina arriverà sabato in città con la voglia di vincere per uscire da un periodo decisamente negativo.

Un pomeriggio che, fra l’altro, Diego Demme ricorderà a vita grazie a Gattuso che gli ha concesso qualche minuto per prendere confidenza con i compagni e quello stadio che avrà fatto battere il cuore a suo padre per diversi anni. Appunto, il nome è una dedica a Maradona, idolo della famiglia dell’italo-tedesco. Bene, tutto sommato, l’intera squadra con la macchia Hysaj il quale ha provocato il penalty per gli avversari. Llorente, al centro del mercato invernale, è sembrato l’unico avulso dal gioco, lontano dall’attaccante furbo e opportunista visto all’inizio di stagione. Questa vittoria archivia il passaggio ai quarti, aspettando la vincitrice tra Lazio e Cremonese per scoprire chi dovrà affrontare il Napoli.