Buffon su Sarri: “Vogliamo paragonare gli anni di Conte alla Juve con quelli di Sarri al Napoli?”

Gianluigi Buffon ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport e ci ha tenuto ad effettuare un inciso su un tema particolare:

 “Sapete cosa mi ha fatto male? Leggere in due o tre occasioni che qualche tifoso juventino aveva chiesto di togliere la stella di Conte dopo il suo passaggio all’Inter. Mi sento dentro il mondo Juve, conosco bene i dirigenti, i giocatori, i tifosi e so cosa ha dato e ha rappresentato Antonio. Per la Juve si è speso fino all’ultima goccia di sudore, mettendo tutto se stesso, da giocatore non si è mai risparmiato per il bene della squadra. Da allenatore se ‘è caricata sulle spalle e l’ha trascinata al successo con una lucidità totale e senza soluzione di continuità. Tre stagione piene e nessun calo di attenzione e tensione. Ho un rapporto di grande stima e confidenza con Antonio, quando ci incontriamo respiriamo immediatamente fiducia, intimità, rispetto reciproco. E lui è un uomo tendenzialmente diffidente. Le scelte professionali, anche se spiazzanti, non possono sporcare un passato intenso come il suo. Lui non ha mai tradito, non è il tipo che bacia la maglia, aderisce pubblicamente al progetto e poi alimenta i confilli nello spogliatoio o in società. Considero il suo ritorno importante per tutto il sistema, così come quelli di Maldini, Boban, Sarri”.

Sarri, Ancelotti, Juve. “Ancelotti? Il suo ritorno è dell’anno scorso. Carlo ha una statura internazionale unica, è il pluridecorato, ha alzato il livello del Napoli sul piano dell’appeal, della caratura. Ne ha tratto benefici in primo luogo il club. Sarri come Conte? Vogliamo paragonare i quindici anni di Conte alla Juve con i tre di Sarri al Napoli? Ho toccato con mano la competenza del presidente, di Fabio e Pavel. Chi segue sempre gli stessi percorsi raggiunge sempre gli stessi traguardi e la Juve che cerca la Champions ha voluto tentare la strada della discontinuità, partendo dal presupposto che la squadra è difficilmente migliorabile. Sarri non è rivoluzione, né scommessa. E’ un percorso inedito, un’altra storia”.