Il Mattino: “Napoli, quattro colpi per Ancelotti”

Lungo summit di mercato a casa Ancelotti, ieri mattina. Appuntamento a colazione nell’ abitazione del tecnico a parco Materazzo, sullo sfondo lo splendido panorama del Golfo di Napoli che ha fatto innamorare il tecnico fin dal primo giorno del suo arrivo in città. Un tavolo a quattro: il presidente De Laurentiis, l’ amministratore delegato Chiavelli, il direttore sportivo Giuntoli e Ancelotti. L’ occasione per un saluto di fine stagione, visto che domani sera dopo la partita di Bologna è previsto il rompete le righe e il tecnico ai primi di giugno volerà in Canada, e ovviamente per fare il punto sul calciomercato e le operazioni che il Napoli effettuerà in entrata e in uscita. Il momento giusto anche per cominciare ad allungare lo sguardo all’ inizio della prossima stagione, dal ritiro estivo alle prime amichevoli (a fine luglio, subito dopo il ritiro a Dimaro, dovrebbe disputarsene una contro il Liverpool).

QUATTRO COLPI Due terzini, un centrocampista e un attaccante. Al momento sono questi i colpi programmati. Tantissimi i profili individuati sia in Italia che all’ estero dal ds Giuntoli e dallo scouting azzurro: un lavoro che va avanti già da tempo, un lungo elenco dal quale attingere i nomi giusti per il Napoli, un’ ampia disponibilità di scelta. Adesso le operazioni entreranno nel vivo e gli acquisti andranno di pari passo con le cessioni, la rosa in questo modo andrà rinforzata tenendo conto i parametri del club relativi all’ investimento economico e all’ ingaggio.

I TERZINI In pole position c’ è Castagne, 23 anni, l’ esterno dell’ Atalanta che quest’ anno ha fatto benissimo a sinistra ma si esprime con la stessa incisività anche a destra. La sua duttilità rappresenta un vantaggio, ecco perché la scelta finale può ricadere proprio su di lui tra i tanti profili seguiti per rinforzare le fasce: i terzini d’ assalto rappresentano, infatti, una chiave del gioco di Ancelotti e lo diventeranno ancora di più la prossima stagione. Strappato il sì del giocatore per un contratto di 5 anni, c’ è ora da concludere la trattativa con l’ Atalanta. A destra il profilo più alto monitorato dal Napoli è l’ inglese Trippier del Tottenham che sarà impegnato sabato prossimo nella finale di Champions League contro il Liverpool: ingaggio importante e grande concorrenza sono gli ostacoli da superare e a confermare la difficoltà dell’ operazione. In Italia nel mirino c’ è Di Lorenzo dell’ Empoli, 25 anni, che in questa stagione ha raggiunto il top del suo rendimento: discorso al momento congelato in attesa dell’ ultima giornata di campionato in cui i toscani si giocano la salvezza ma che già da lunedì potrà diventare nuovamente molto caldo. C’ è il gradimento del terzino all’ operazione e con il club toscano la trattativa può concretizzarsi: il Napoli sta riflettendo sull’ affondo. A sinistra, invece, l’ altro obiettivo inquadrato è il francese Theo Hernandez del Real Madrid, 21 anni: un contatto già scattato da tempo, la valutazione è intorno ai trenta milioni. Discorso avviato con i Blancos e con l’ agente del terzino per trovare l’ intesa sull’ ingaggio. Confermati Malcuit e Ghoulam. Il francese dopo un periodo di calo si è ripreso e ha convinto Ancelotti, resterà certamente. Stesso discorso per l’ algerino, che quest’ anno è rientrato dopo quasi un’ anno di inattività per due gravi infortuni al ginocchio: il Napoli confida sulla sua piena ripresa per la prossima stagione. Verranno ceduti Hysaj e Mario Rui, quest’ ultimo seguito in maniera particolare dal Torino. Confermati tutti gli altri difensori, a cominciare da Koulibaly (blindato dal club e l’ unico tra i big considerato a tutti gli effetti incedibile). L’ unico che potrebbe partire, se dovesse arrivare qualche offerta convincente, è il rumeno Chiriches. Capitolo portieri: Meret è il presente e il futuro del Napoli, il greco Karnezis è stato riconfermato. Per il colombiano Ospina invece si dovrà discutere la cifra del riscatto con l’ Arsenal (quello obbligatorio a 25 presenze sarebbe stato di 3.5 milioni).

CENTROCAMPO Due gli obiettivi da considerare al momento più vicini: l’ argentino Almendra del Boca Juniors e lo spagnolo Fornals del Villareal. Tutte e due le trattative sono già partite, il ds Giuntoli si è mosso da tempo sul talento sudamericano, capitano dell’ Argentina al Mondiale under 20 in Polonia: c’ è da bruciare sul tempo Monaco e Porto. Anche Fornals, 21 anni, è seguito con interesse dal Napoli che lo cercò già a gennaio ma è nel mirino anche di diversi altri club europei. Da considerare sempre valide le opzioni Veretout (Fiorentina) e Bennacer (Empoli), situazioni che però potrebbero essere collegate a un’ eventuale partenza di Allan. Il mediano brasiliano, infatti, fa parte dei riconfermati ma un eventuale nuovo assalto del Psg potrebbe far cambiare lo scenario, se l’ offerta dovesse essere di quelle ritenute adeguate da De Laurentiis. Verrà ceduto il guineano Diawara, per lui si muovono club di Premier League e di Bundesliga. Rog tornerà per fine prestito dal Siviglia e verrà girato probabilmente al Parma. Riconfermati e punti fermi per l’ anno prossimo il polacco Zielinski (già avviato da tempo il discorso del rinnovo) e lo spagnolo Fabian Ruiz.

ATTACCO L’ esterno d’ attacco fissato dall’ inizio nel piano rinforzi è Lozano, esterno sinistro del Psv e della nazionale messicana. Ma la richiesta è alta (superiore ai 40 milioni) e ci sono varie big europee che lo seguono: la trattativa resta sempre in piedi ma non è semplice da sbloccare. C’ è invece già il sì di Ilicic dell’ Atalanta ma ora il Napoli dovrà trattare e vincere la resistenza dell’ Atalanta che intende blindarlo anche per il futuro. Tra le opzioni da tenere presenti c’ è quella di De Paul dell’ Udinese, anche lui un trequartista con capacità di inserirsi e di far gol, un discorso che può diventare caldo: le sue quotazioni sono in crescita. Una suggestione forte per il ruolo di prima punta è quella di Quagliarella: il ritorno del bomber di Castellammare di Stabia, capocannoniere della serie A, è una di quelle piste da non escludere. In uscita Verdi (piace all’ Atalanta) e Ounas (seguito dal Parma). La situazione degli altri attaccanti: Insigne ha ancora due anni di contratto e dopo il chiarimento con De Laurentiis e Ancelotti ha manifestato la sua intenzione di restare. Ma lo scenario in questo calciomercato potrebbe mutare se dovesse farsi avanti qualche big con un’ offerta di quelle importanti che lui e il Napoli potrebbero prendere in considerazione. Restano certamente Callejon e Mertens, tutti e due vicini al rinnovo, discorso avviato in tal senso anche con il polacco Milik. Resta anche Younes. Inglese tornerà per fine prestito dal Parma che non lo riscatterà e il Napoli lo girerà nuovamente: tra i club interessati c’ è l’ Atalanta e potrebbe rientrare eventualmente nel discorso Ilicic o Castagne.