LE NOTE DI MN – Cambiano gli stati d’animi ma Bergamo non è più un tabù

121

Atalanta-Napoli finisce 1 a 2. Chi prima, durante e dopo la partita non ha ricordato la partita di Bergamo dello scorso anno? Una sofferenza che però vide gli azzurri uscire trionfanti e con più consapevolezza per quella scalata che poi non portò alcun frutto e tutti sappiamo il perchè. La decise Mertens il bomber azzurro. Quest’anno il goal decisivo l’ha segnato Arek Milik. È finito il tabù che vedeva il Napoli non riuscire a vincere a Bergamo.

Ma tornando alla partita è proprio l’autore del goal decisivo, Arek Milik, una delle note positive del match. A psrte il ritorno al goal (e che goal) del polacco contro l’Atalanta si è vista una grande prova anche dell’ormai gioiello azzurro Fabian Ruiz. Un grande colpo di mercato che, partita dopo partita, è diventato imprescindibile nello scacchiere ancelottiano. Infine nota positiva anche per la prestazione di Mario Rui. Il portoghese spesso è bacchettato da stampa e tifosi; forse il fiato sul collo del ritorno di Ghoulam si inizia a far sentire?

Nelle pagine negative del nostro libricino c’è solo la gestione della partita nei primi 25 minuti della ripresa dove il Napoli ha subito il forcing dell’Atalanta culminato nel goal del momentaneo pareggio firmaro Duvan Zapata.

Non c’è altro da dire. Il Napoli prosegue il suo buon campionato stacca l’Inter e resta in scia alla Juve. I bianconeri però quest’anno sembrano imbattibili oltre che imprendibili. Ma un detto dice: “chi si ferma è perduto”, noi non vogliamo fermarci!