LE NOTE DI MN – Che cosa non ha funzionato contro il Chievo?

Deludente 0 a 0 tra Napoli e Chievo Verona andato in scena ieri pomeriggio al San Paolo.
Gli azzurri non riescono a trovare il goal nonostante una buona prestazione, che però non basta. Il “nuovo” Chievo di Mimmo Di Carlo non è quello che abbiamo visto fino ad oggi sotto la guida di D’Anna e Ventura: è un Chievo che si chiude in difesa ed provando qualche ripartenza cerca addirittura il goal della vittoria.
Ma analizziamo la prestazione degli azzurri, la nostra rubrica nasce proprio per le vedere ciò che di positivo e\o negativo ci fa vedere il Napoli durante la partita.

Cosa è mancato ieri? La risposta più semplice è: il goal. Ma in realtà non solo il goal è mancato ieri al Napoli. Gli azzurri presenti in campo hanno mostrato a tratti cenni di assenza di lucidità. Il motivo è da cercare in diversi fattori che vanno dal collettivo giungendo fino all’individuale. L’assenza di prontezza infatti potrebbe provenire dal fatto che ieri erano presenti in campo alcuni giocatori, come Ounas, Diawara, che hanno avuto meno minutaggio e comunque sono tra i pochi della rosa ad aver dimostrato qualcosa in meno rispetto agli altri. Ma il motivo potrebbe essere anche un motivo collettivo come il fatto che il Napoli è già proiettato con la testa alla gara di mercoledì contro la Stella Rossa: partita che potrebbe essere un dentro o fuori per la Champions, e nonostante l’avversario potrebbe sembrare abbordabile, l’ultimo scontro diretto in Serbia ci dice che non bisogna dare per scontato questa squadra.
In ogni modo non sono queste le prestazioni che ci aspettiamo anche perchè se si vuole fare il famoso salto di qualità per competere ad alti livelli non bisogna avere calciatori in rosa non pronti e un evento importante, come quello di mercoledì, non puo’ e non deve distogliere l’attenzione da altre partite che nel corso della stagione potrebbero poi risultare decisive su altri fonti. Questi sono errori che in passato abbiamo fatto e che non dobbiamo più fare.

Di positivo, in un pareggio contro il Chievo, c’è ben poco se non le prestazioni di calciatori che cercano di dare sempre il 100%, tra questi Insigne e Callejon, entrambi però si portano sul groppone qualche occasione sprecata che avrebbe cambiato il volto alla partita; per cui, la loro forza di volontà, è senza dubbio una nota positiva, ma gli stessi rientrano poi in quella visione collettiva della mancanza di lucidità dimostrata ieri pomeriggio… in una domenica che non vorremmo più rivivere!

Articolo precedenteDs Parma: “I portieri italiani sono i migliori. Sepe a Napoli avrebbe fatto il titolare”
Articolo successivoPistocchi: “Errore clamoroso. Non è vero che gli episodi si compensano”