Napoli – Empoli, numeri e curiosità del match

Napoli ed Empoli sono pronti ad aprire l’undicesima giornata di Serie A 2018/2019. Domani sera i campani e i toscani andranno in scena nell’anticipo del venerdì. Di seguito alcuni numeri e curiosità riguardo la gara del San Paolo:

I PRECEDENTI – Il Napoli ha vinto le ultime tre sfide di Serie A contro l’Empoli, dopo che non aveva ottenuto neanche un successo nelle precedenti sei (3N, 3P). Le ultime sei sfide di campionato tra Napoli ed Empoli hanno visto una media di 4.5 gol a partita, 27 le reti nel parziale (16 dei partenopei, 11 dei toscani). Il Napoli ha perso solo in una delle sette gare casalinghe contro l’Empoli in Serie A (5V, 1N): 1-3 nel febbraio 2008.

COME ARRIVANO LE SQUADRE AL MATCH? – Il Napoli ha sempre segnato nelle ultime 20 gare casalinghe in tutte le competizioni: non arriva a 21 partite di fila con almeno un gol all’attivo da febbraio 2013. Solo sei punti guadagnati dall’Empoli, gli stessi raccolti nell’ultimo campionato di A disputato a questo punto della stagione (2016/17), quando a fine stagione arrivò la retrocessione. Nelle cinque partite esterne di campionato finora disputate, l’Empoli conta più legni colpiti (sei) che gol segnati (cinque). Il Napoli è la squadra che ha segnato più gol con giocatori subentrati in questo campionato: cinque, due dei quali di Mertens, entrambi decisivi per il risultato finale (pareggio con la Roma e vittoria con il Milan).

CAPUTO VS INSIGNE – Francesco Caputo ha segnato il 44% dei gol dell’Empoli, quattro su nove totali (solo uno di questi in trasferta). L’attaccante del Napoli Lorenzo Insigne ha segnato quattro gol nei cinque incontri di Serie A contro l’Empoli, inclusa una delle sue sei marcature multiple nella competizione (marzo 2017). Il Napoli è imbattuto nelle cinque partite in cui Fabian Ruiz è partito titolare (2V, 3N) in tutte le competizioni.

fonte: Onefootball.com

Articolo precedenteTosto avverte il Napoli: “Non bisogna sottovalutare l’Empoli, è un’ottima squadra che merita di stare in A. Andreazzoli come Sarri”
Articolo successivoAncelotti rincuora Mertens: “Il turnover serve per tenere tutti in forma”