ESCLUSIVA MondoNapoli – Gianni Improta: “Fiducia nei ragazzi, ma attenti a Fiorentina e Stella Rossa. Mertens? Mi piacerebbe vederlo con Milik. ADL-tifosi? Basterebbe un passo indietro…”

265

In esclusiva per MondoNapoli, “Il baronetto” Gianni Improta si è espresso sul momento degli azzurri.

Questa l’intervista completa ai nostri microfoni:

Il Napoli è partito con il calendario più complicato della Serie A, 6 punti nelle prime 2 non erano per nulla scontati, ma la debacle a Genova è stata abbastanza pesante. Come reagiranno secondo lei gli azzurri?

”È giusto rimarcare quanto abbiano fatto bene gli azzurri a Roma con la Lazio e in casa contro il Milan, per di più in rimonta. Proprio per questo però rimane l’amaro in bocca avendo sbagliato l’approccio nell’incontro più alla portata. Personalmente come dichiarai prima della gara, avrei messo possibilmente in cascina i 3 punti con la Samp per iniziare il turn over da domani, ricordiamo che gli azzurri inizieranno a giocare ogni 3 giorni”

Un suo pensiero sulla Fiorentina, che tipo di gara si aspetta quest’oggi?

La Fiorentina è allenata da una mezza bestia nera, Pioli, inoltre è una squadra giovane che vola sulle ali dell’entusiasmo, ricordiamo che con una gara in meno ha in classifica ben 6 punti, potrebbe quindi matematicamente stare al passo con la Juve. Sono però fiducioso, Ancelotti sa che questi 3 punti sarebbero fondamentali e avrà inculcato la giusta mentalità alla squadra”

Partirebbe con Milik o Mertens dal primo minuto?

”Ancelotti ha dato un segnale chiaro: Milik parte avanti nelle gerarchie. Noi però siamo stati abituati bene da Mertens e ci sembra un po’ strano non vederlo lì al centro dell’attacco, io personalmente condivido la scelta del tecnico, mi piacerebbe vedere il belga dall’inizio ma nella sua posizione originaria, quella di esterno”

L’Europa è uno degli obiettivi apertamente dichiarati da Ancelotti, cosa prevede in vista della trasferta nell’inferno di Belgrado?

”Il Napoli affronterà un avversario dal tasso tecnico oggettivamente inferiore, ho però assistito alle gare preliminari di Champions e i serbi mi sono sembrati una buona squadra, inoltre in quegli ambienti non è mai facile giocare e quindi sarà una di quella gare da prendere con le pinze. Sarà però fondamentale partire bene, anche per mettere ansia al PSG e Liverpool, 2 delle favorite alla vittoria finale, insomma un impegno non facile quanto sembra, ma ho fiducia nei ragazzi”

Quanto sarà importante secondo lei il recupero di Faouzi Ghoulam?

“Fondamentale, se Ghoulam tornasse quello dello scorso campionato ne gioverebbe tutta la squadra, in particolare modo Insigne secondo me. Mario Rui ha fatto la sua parte, ma l’algerino se in forma è oggettivamente un’altra cosa”

Infine un suo pensiero sulla bagarre ADL-tifosi, forse l’elemento maggiormente negativo in questo inizio di stagione in cui invece servirebbe la massima compattezza. 

”Io non posso pensare ad un imprenditore che si schiera volutamente contro la propria clientela come sta succedendo a Napoli. Sono elementi creatori di fratture e chi risente maggiormente di ciò è ovviamente la squadra, credo che ci vorrebbe un passo indietro da parte del patron azzurro, i tifosi del Napoli si sentono presi in giro, questo non lo meritano avendo dimostrato sempre e comunque il loro amore incondizionato”.