INSTAGRAM – Napoli, altro addio: dopo 13 anni abbandona il fisioterapista

Giornata d’addio in casa Napoli. Dopo Christian Maggio e Pepe Reina, è anche il turno di Giovanni D’Avino, storico fisioterapista azzurro. Dopo ben 13 anni, infatti D’Avino abbandona per intraprendere una nuova esperienza. Da brividi le sue parole di addio su Instagram:

Oggi, dopo 13 anni, si chiude la mia lunga militanza come fisioterapista della SSC Napoli. Ho deciso infatti di intraprendere una nuova, altrettanto entusiasmante, esperienza professionale: proverò, da docente scolastico, a trasferire le mie competenze e la passione per il mio lavoro a tanti giovani nella speranza di poter essere, per loro, un esempio virtuoso. Devo perciò ringraziare la SSC Napoli, il presidente Aurelio e tutta la famiglia De Laurentiis, per la grande fiducia che, in questi anni, hanno avuto in me e nelle mie qualità. Una fiducia che, giorno dopo giorno, ho provato ad onorare con professionalità e dedizione. Grazie ad Alfonso De Nicola, responsabile medico del club, ai dottori Raffaele Canonico ed a Enrico D’Andrea. Grazie ai miei colleghi massimo Buono Fabio Sannino marco Romano Marco di Lullo con i quali ho condiviso il lavoro, l’entusiasmo, le vittorie e le sconfitte: la vita. Grazie a tutti i calciatori, nessuno escluso, ai quali mi sono dedicato sempre con cura e affetto. E grazie ai tanti che, in questa splendida e lunga avventura, ho avuto il privilegio di incontrare. Grazie alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei ragazzi: senza il loro sostegno e il loro amore non avrei potuto dare, in ogni momento di questo incredibile viaggio, il 100%. Tutti, davvero tutti, stringo con un forte e sincero abbraccio. Forza Napoli Sempre: dal profondo del cuore 💙 Giovanni D’Avino

Un post condiviso da davinogiovanni66 (@davinogiovanni66t) in data:

Articolo precedenteNapoli, Maggio dice addio: ma Sarri non gli concede la passerella
Articolo successivoSarri in conferenza: “Non so se resterò, ma se dovessi andare via sceglierò una squadra estera! Clausole azzurre basse rispetto il valore dei calciatori. Su Reina…”