ESCLUSIVA MN – Francini: “Questo Napoli è spettacolare, Higuain è un grandissimo. Con la Juve sempre una partita speciale. Mercato? Grassi il vero colpo. Sullo Scudetto…”

Sette anni di Napoli, uno Scudetto, una Coppa Uefa e una Supercoppa Italiana, questo il prestigioso palmarès di Giovanni Francini, che oggi la nostra redazione ha contattato telefonicamente per parlare del Napoli che è stato e di quello che oggi fa sognare una città intera.

Nato in Toscana ma con cuore napoletano, il terzino del secondo scudetto difatti porta sempre con se ricordi meravigliosi della sua avventura a Napoli: Sono rimasto e sono molto legato al Napoli, alla squadra e alla città“.

Lei fu uno splendido protagonista del Napoli che vinceva Scudetto e Coppa Uefa, che sensazioni vive oggi nel vedere nuovamente un Napoli così competitivo e primo in classifica?

“Vedere il Napoli così in alto in classifica e che ha raggiunto il nostro record di vittorie consecutive mi fa davvero piacere, questo Napoli è uno spettacolo. Erano anni che non si vedeva un Napoli così, speriamo di giocarcela fino in fondo e di restare primi”.

Una data: 15-3-1989, ritorno dei quarti di finale di Coppa Uefa, il suo Napoli rimonta il 2-0 dell’andata e vincendo al San Paolo 3-0 elimina la Juventus. Tra pochi giorni ci sarà una nuova sfida Juventus-Napoli, le sue sensazioni a riguardo? Pensa possa ripetere una grande impresa?

“La partita con la Juventus è sempre una sfida speciale, anche se non valesse per il titolo. E’ una di quelle partite che ha un qualcosa in più rispetto a qualsiasi altra sfida. Se il Napoli arrivasse all’incontro del 13 febbraio con l’attuale classifica, sarebbe uno scontro incredibile. Se il Napoli gioca come sa, siamo grandi”.

Maradona è inarrivabile probabilmente, ma questo Higuain secondo lei quanto è vicino al Pibe de Oro?

Maradona è il migliore di tutti, non c’è dubbio, il paragone con Higuain è difficile perché sono giocatori diversi ma Gonzalo è un grandissimo sia per quello che fa senza palla e sia nei movimenti. Difende benissimo la palla e portargliela via è difficilissimo, poi quest’anno è diverso dallo scorso anno quando era sempre nervoso e quasi avulso dal gioco di squadra. Sarri in questo è stato bravissimo, è riuscito a migliorare un grande giocatore come lui, ma per me ciò non rappresenta una sorpresa, vedevo lo scorso anno le partite del suo Empoli e mi divertivo molto per la qualità del gioco che aveva dato alla squadra”.

Dopo una carriera importante, sta considerando l’idea di proseguirla oggi come dirigente o allenatore? Magari proprio nel Napoli?

“Fare l’allenatore non fa per me. Ho fatto delle esperienze in serie C e in Eccellenza, occupandomi del settore giovanile ma poi ho lasciato perché il calcio o lo si fa seriamente o è meglio lasciar perdere. Dico questo perché a qualsiasi livello, le società non hanno la reale voglia di investire nei settori giovanili preferendo a volte acquisire giocatori stranieri e così facendo si impoverisce anche il serbatoio futuro della Nazionale“.

A questo proposito quindi approva l’ultimo mercato del Napoli, che ha puntato su giovani futuri talenti?

“Si, la scelta del Napoli di puntare su un ragazzo giovane e di grandi prospettive come Grassi, mi è piaciuta molto. Penso che anche Regini possa fare bene poiché Sarri lo conosce avendolo avuto già ad Empoli“.

Per concludere Francini, in caso di Scudetto, parteciperebbe alla festa?

“Certo, assolutamente si. Spesso vado a Napoli, oggi ad esempio sono qui in città e a volte mi organizzo in modo tale da poter vedere le partite del Napoli. Di partite quest’anno ne ho viste molte e ne vedrò ancora tante, in caso di vittoria a maggio posso solo immaginare che festa meravigliosa farebbero i tifosi. Il San Paolo è speciale, così come la gente e la città; sarei contentissimo di rivivere da tifoso le emozioni di uno Scudetto, dopo averle vissute da giocatore”.

 

Jonathan Bruno Cafaro

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Articolo precedenteFOTO – La Serie A esalta le parole di Koulibaly e Keita!
Articolo successivoLazio, Curva Nord chiusa due turni e ammenda alla società di Lotito!