L’AVVERSARIO – Consigli: “Inter archiviato. Ora testa al Napoli, sarà una grande partita”

Andrea Consigli, portiere del Sassuolo, reduce da una prestazione super contro l’Inter a San Siro, ha parlato così quest’oggi in conferenza stampa del cammino della squadra neroverde. Ecco quanto riportato dai colleghi di TuttoSassuoloCalcio:

“C’è la grande gioa di aver battuto la capolista, ce la siamo giocata alla pari, su un campo importante contro una grande squadra. C’è anche la grande gioia di aver già raggiunto 31 punti con una partita in meno. Però nel calcio bisogna archiviare in fretta e pensare alla partita dopo, perchè affrontiamo il Napoli, forse la squadra più in forma del campionato. Andremo al San Paolo per giocarcela come al solito, sperando di portare a casa i tre punti”.

Un’altra capolista? “Speriamo che vada bene come domenica scorsa”.

La grande prestazione di Consigli con l’Inter è arrivata subito dopo un errore nel match contro il Frosinone, che ne pensi? “Non sono due cose collegate. Gli errori capitano, ho sbagliato talmente poco in questi anni che magari qualcuno si può sorprendere e mi sorprendo anch’io, è proprio un infortunio imponderabile, ma ho ventotto anni e la giusta consapevolezza per assorbire bene un errore e farmelo scivolare addosso. Sono entrato in campo sereno e ho giocato la mia partita. Una bella partita, a San Siro, contro l’Inter, ho fatto una delle migliori parate della mia carriera. Tutto bello ma va tutto archiviato, testa al Napoli, con la consapevolezza di dover continuare a lavorare per continuare a fare bene”.

La parata su Ljajic? “Mi sono rivisto parecchie volte perchè anche sui social mi hanno taggato in tanti. Poi è capitata con l’Inter a mezzogiorno quindi tanta visibilità, comunque è tra le prime della mia carriera, anche perchè è arrivata contro l’Inter e a San Siro e, da milanese, c’è stato parecchio entusiasmo”.

Ti aspetti una chiamata dalla Nazionale? “Io gioco per me, per la mia squadra, poi quello che verrà verrà. Io continuo a far bene, se questo dovesse coincidere con una chiamata sarei ben felice, anche perchè non è mai arrivata”.

Il Sassuolo è cresciuto anche grazie alla crescita della fase difensiva? “Sì stiamo facendo bene, anche dietro concediamo poco agli avversari per essere una medio piccola. L’Inter ha giocatori importanti e Handanovic, che è un grande portiere, viene sollecitato spesso. Io solitamente meno, domenica è stata un’eccezione, è capitato solo in una partita o due da quando sono qui. L’anno scorso c’è stato un periodo in cui eravamo cresciuti, prendevamo meno gol, poi nel girone di ritorno ci sono stati parecchi infortuni che hanno minato le nostre certezze. Ora siamo più solidi e la solidità difensiva permette anche a quelli davanti di giocare meglio”.

Che partita vi aspetta al San Paolo? “Rispetto all’Inter, il Napoli è meno muscolare ma ha più organizzazione di gioco, ha tanta qualità, ha tanto entusiasmo, ci sarà uno stadio pieno, noi ci dovremo caricare con i tifosi avversari, perchè è sempre bello giocare in uno stadio pieno e rumoroso. Ci galvanizzeremo e faremo una grande partita, sapendo che avremo davanti una squadra che gioca a memoria come noi. Chi sarà più bravo la porterà a casa”.

Higuain? “E’ l’attaccante più in forma, c’è poco da dire, è bravo, lo tratteremo come abbiamo trattato Icardi, ma se ci muoveremo bene con la difesa, saremo corti, anche per lui sarà più difficile”.

Articolo precedenteOGGI AVVENNE – 13 gennaio, il racconto della doppietta di Clerici in Napoli-Bologna 2-0 del 1974
Articolo successivoL’agente di Valdifiori: “Mirko non si muoverà. Hysaj è seguito da top club. Su Mario Rui resterà…”