Napoli, ricomincia da…te!

Iniziare a parlare di crisi, sarebbe deleterio non solo per la squadra ma per l’intero ambiente che non dimentica i bei risultati fino a poche settimane fa portati a casa.

Ingiusto, però, è parlare di crescita perché nel momento clou della stagione bisognava dare il massimo, e forse, questo massimo non basterà per raggiungere risultati oltremodo sperati. Nelle ultime tre gare, il Napoli ha conquistato solo due punti, uno importante contro la Lazio in Coppa Italia, l’altro inutile e pesante in campionato facendosi recuperare dall’Inter dopo aver dominato per 70 minuti e aver bucato la porta di Handanovic per due volte.

Non è un problema fisico, gli azzurri hanno dimostrato di stare bene a riguardo, è una questione prettamente mentale. Un minimo abbassamento di concentrazione e la puntura arriva fredda e letale. Rafa non è esente da colpe, certamente da un allenatore carismatico e di livello come lui ci si aspettava un Napoli differente, più forte ma soprattutto più maturo.

Gli errori del passato fanno di nuovo capolino, perché i nodi, come si sa, vengono puntualmente al pettine e si dovrà essere bravi per scioglierli tutti.

La Lazio è diventata coinquilina per il momento, ma da parte sua il Napoli ha il vantaggio di aver vinto all’Olimpico, anche se l’ennesimo passo falso potrebbe portare a conseguenze infelici. Tornando al presente, però, la testa finisce inevitabilmente all’Europa, senza dimenticare che la Dinamo Mosca è vicinissima, il ritmo incalzante delle partite non dà, ovviamente, agli azzurri molto tempo a cui pensare ai vari errori, ormai il treno è partito e si fermerà solo fra due mesi.

Il paesaggio dal finestrino appare ancora bellissimo, ricco di prospettive e traguardi, ma toccherà a chi di dovere non perdere tale vista. Fiducia, ancora fiducia, Rafa lavora spalla a spalla con ognuno di loro, non vuole però essere tradito, almeno dai fedelissimi che, talvolta, non hanno avuto un comportamento perfetto.

Ora più che mai servirà essere uniti, sin pausa come direbbe l’ex Liverpool, ma al contempo i tifosi sono avvisati, il fegato non è per niente al sicuro con questa squadra…

Articolo precedenteNapoli-Dinamo Mosca: rafforzati i servizi metropolitani, problemi sulla prevendita
Articolo successivoQuattro azzurri convocati in Nazionale: ecco tutti gli impegni di marzo